Magie e natura, due dei protagonisti del fantasy


Autore Messaggio
LaLamadelleLacrime
Hobbit
Messaggi: 41
MessaggioInviato: Sab 28 Dic 2013 21:49 pm    Oggetto: Magie e natura, due dei protagonisti del fantasy   

Due elementi a farla da padrone nella maggior parte dei romanzi fantasy sono certamente la natura e la magia.
Essi sono collegati tra loro ed decisamente messi in risalto come “ingredienti” ideali dei mondi fantastici. E da essi deriva gran parte di ciò che i lettori trovano interessante nella letteratura fantasy; anzitutto perché la glorificazione della natura e della magia è un avversario piacevole da opporre al cemento e all'acciaio e alla tecnologia che travolgono la vita moderna .

I protagonisti nei romanzi fantasy spesso devono attraversare lande ostili , spaventosi passi di montagna, intricati labirinti di foreste primordiali. Non è esattamente un caso che "Il Signore degli Anelli " vede svolgere la storia per la maggior parte all'aperto .
E nella trilogia " Inheritance " di Christopher Paolini, l'eroe Eragon e il suo drago Saphira trascorrono lunghi tratti della vicenda in deserti , foreste e montagne.

L'enfasi sulla natura all'interno del genere fantasy aggiunge alla sua capacità di intrattenere il desiderio di evasione . Nella natura selvaggia manca gran parte della vita moderna , e soprattutto della vita urbana; e immaginare avventura e libertà in un territorio incontaminato e sconosciuto fornisce sollievo e piacere .
Spesso, durante la lettura di un fantasy , è possibile richiamare la sicurezza che i nostri antenati hanno tratto dal crepitio luminoso di un fuoco da campo , mentre trascorrevano la sera su una pianura desolata . Oppure si può evocare quella naturale ed eppur attraente paura di essere soli tra gli alberi e sentire che qualcosa ci sta guardando .

E il partner perfetto della natura nel genere fantasy è la magia . E ' la forza che spinge il mondo del fantasy. Essa governa e / o sfrutta intere società , e gli incantesimi sono certamente il fulcro delle battaglie nella storia . Le trame sono spesso animate da rivalità tra gli utilizzatori di magia, oppure capita che le forze del bene combattano contro quelle del male proprio con l'aiuto della magia.

Nel fantasy, è il soprannaturale ad essere valido mentre la scienza è poco utilizzata ed alle volte ostile e dannosa per il mondo. Esplorare le meraviglie di un mondo gestito dalla magia impegna i lettori perché li avvicina ai misteri della natura . La magia proviene dal mondo naturale , e in base alla storia , a volte dagli Dei; e gli appassionati di fantasy sono appassionati alla magia intesa come fonte di energia naturale.

La magia agisce come un bella alternativa alla tecnologia che è onnipresente nella vita moderna per la maggior parte delle persone . A ben vedere , la tecnologia è potente e sorprendente e sembra abbastanza vicina alla magia, ma in fondo tutti sanno che alla sua base c’è ciò che può essere spiegato . Oggigiorno cavi, microchip, circuiti e software molte persone sanno come farli o manipolarli . Le industrie producono milioni di gadget impressionanti, e televisori sempre più spettacolari e schede madri per computer sempre più avanzate che permettono di creare con sempre maggiore libertà. Ma alla tecnologia manca semplicemente quell' “esclusività” speciale che la magia conferisce in un romanzo fantasy . Infatti, non tutti in una storia di fantasy hanno poteri magici e gli oggetti incantati non sono così facili da trovare come un telefono cellulare .

Le fondamenta della natura e della magia che reggono molte ambientazioni fantasy affascinano quei lettori che spesso hanno il desiderio di un mondo più semplice non compromesso da autostrade e pali del telefono . All'interno de " Il Signore degli Anelli " ci possono notare addirittura alcune sfumature che suggeriscono un rimpianto nostalgico per la perdita della natura alla crescita del settore. Ad esempio , Isengard, nella trilogia, è descritto come originariamente verde e ricco di " boschetti di alberi da frutto ", ma il corrotto Saruman ne ha rovinato il terreno per costruire un esercito . " Ruote di ferro giravano lì all'infinito , e martelli rintuonavano… " ci dice Tolkien: non vi sembra la descrizione di un asfissiante ambiente industriale?

In generale , la letteratura fantasy sostiene la natura come ideale e gli autori si sforzano di descriverne la bellezza e la potenza onnipresente . Invece, ciò che distrugge la natura è ritratto come il male. Per di più la magia è spesso raffigurata come superiore alla tecnologia , perché è affine alla natura. Un bell’esempio di questa teoria è presentato nel secondo romanzo di Paolini " Eldest ", in cui scrive di come gli elfi amino le piante e gli alberi che sono in grado di fungere da strumenti e rifugi.

A dire il vero la tecnologia non è proprio assente dalla letteratura fantasy (si pensi al genere STEAMPUNK) , ma ha una presenza minore in una società fantastica. Ambientazioni fantasy sono tipicamente espresse nelle società agricole e mercantili pre-industriali . Qui però la tecnologia è limitata ai mestieri delle corporazioni simil-medioevali e all’artigianato, che sono comunque molto più gradevoli e benigni rispetto alle fabbriche del mondo reale e alle centrali nucleari .
M.T.
Paladino Guardiano
Messaggi: 2408
MessaggioInviato: Dom 29 Dic 2013 1:42 am    Oggetto:   

La magia è sicuramente un punto cardine del fantasy, altrimenti non sarebbe tale Smile .
Anche la natura ha un parte fondamentale, specie nello stampo classico del genere: Tolkien, Brooks, per citarne alcuni. Ultimamente però, con la proliferazione dell'urban, ha avuto una parte di minor rilevanza rispetto al passato.
Rakanius
Drago
Messaggi: 540
Località: Milano
MessaggioInviato: Dom 29 Dic 2013 9:48 am    Oggetto:   

Mmh. Direi che la natura rimane al centro dell'attenzione nel fantasy tolkieniano... Ma penso anche che si debba fare attenzione a non confondere Tolkien e l'impronta che ha dato al genere con TUTTO il fantasy. Non si perdono in ammirazione della natura Clark Aston Smith, Robert Howard, Lovecraft, Vance, Moorcock.

Oggi? Tra vampiri, zombi e via discorrendo non saprei proprio dire se oggi la natura stia al centro del fantasy, di quello prodotto recentemente. (la Rowling con Harry Potter? non lo so ma mi pare di no).

La magia, il potere di "qualcos'altro" che non è nelle nostre macchine, religioni, capacità di comprensione, resterà ovviamente un punto cardine del fantasy che senza un elemento sovrannaturale non sarebbe tale.
Bruno
--- partecipa al mio blog su:
http://www.mondifantastici.blogspot.com/
Barbagianni
Balrog
Messaggi: 1005
MessaggioInviato: Dom 29 Dic 2013 13:03 pm    Oggetto:   

Bè, anche se non è un punto di vista 'ortodosso' dico che la natura non deve essere per forza ruscelli e boschi, ci può essere 'natura' anche nella città, natura intesa come relazioni tra i vari ambienti (con le loro bellezze e i loro pericoli) e gli abitanti più o meno amichevoli o selvaggi di tali ambienti.

Per la magia...mah, alla fine anche la magia te la devono spiegare, l'unica cosa inspiegabile è spesso perché tizio la sa usare e caio no (ma alle volte ti spiegano anche questo). E conosco molto meglio il funzionamento della palla di fuoco che del mio cellulare (dopotutto harry potter insegna che i maghi guardano la tecnologia come noi la magia).
Quando qualcuno dice 'io non credo nelle fate' da qualche parte una fata si segna nome, cognome e indirizzo.

Trolls? Io odio i trolls! - Willow
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Leggere fantasy Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum