Carillon - Scilla Bonfiglioli


Autore Messaggio
lucisferente
Hobbit
Messaggi: 1
MessaggioInviato: Ven 31 Gen 2014 3:31 am    Oggetto: Carillon - Scilla Bonfiglioli   

Carillon
di Scilla Bonfiglioli

L'idea del carillon per il nipotino gli era venuta camminando nella nebbia.
Il bambino e la musica erano così uniti, nel vecchio cuore di Pal, che gli era parso strano non averci pensato prima.
Sapeva anche quale musica usare.
Da una manciata di notti non prendeva sonno. Si rigirava sul fianco, rotolava sul ventre e poi si sdraiava a guardare il soffitto. La dissonante melodia che lo tormentava non arrivava da fuori, ma gli cresceva nel petto spontanea come un fiore sulla scogliera.
Oltre i vetri, la luna rendeva Bergen una città di folletti, con le case sghembe dai tetti a punta che si specchiavano spettrali sul mare piatto. Le finestre parevano occhi e le porte erano bocche, aperte in un grido muto.
Una metafora banale, per un giocattolaio, ma il vecchio Pal era stanco. Sentiva la pelle sotto agli occhi tirarsi come pergamena usurata. Immaginava le occhiaie scendere fino agli zigomi e sciogliersi sulle guance nell'icona perfetta della fatica.
Ammucchiati sugli scaffali, i giocattoli lo fissavano impietosi. Bambole dagli occhi sgranati nel buio; orsi intagliati nel cui ventre si aprivano cassetti per orecchini, anelli e piccole gioie; cavallucci. Soprattutto bambole, però. Tutte con lo stesso viso.
Di solito gli davano conforto, ma da qualche notte a quella parte lo mandavano ai matti. Insieme a quella musica tremenda che gli infestava le orecchie.

Cominciò tutto una sera, mentre andava alla taverna di Sigurd. La nebbia gli strisciava fino alle ginocchia, coprendo i giardini pubblici come un sudario.
– Miseriaccia – borbottò. Si massaggiò le spalle scacciando il freddo lattiginoso. Intorno, gli alberi protendevano i rami, quasi in cerca di aiuto. - Ah, vecchio Pal, stai davvero perdendo la testa.
Per farsi coraggio, intonò la vecchia canzone piena di parole sporche che sentiva da sua madre quando era bambino. Lui puliva le scarpe dal fango e lei in cucina lavava i piatti dandogli le spalle, spostando il peso da una gamba all'altra e seguendo il ritmo.
Serena Bertogliatti
Hobbit
Messaggi: 5
MessaggioInviato: Ven 31 Gen 2014 20:00 pm    Oggetto:   

Deliziosamente fiabesco Smile
sgerwk
Hobbit
Messaggi: 4
MessaggioInviato: Sab 01 Feb 2014 15:16 pm    Oggetto:   

L'ho trovato piuttosto vivido, specie le descrizioni della città e dei giocattoli. Un'ambientazione relativamente inconsueta è un altro punto a favore. Ancora non si vede (credo) l'idea principale della storia, quindi su questo non posso esprimere un giudizio.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Racconto Effemme: La musica Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum