La Duchessa e il Capitano - Velma J. Starling


Autore Messaggio
Velma J. Starling
Hobbit
Messaggi: 4
MessaggioInviato: Dom 01 Feb 2015 0:49 am    Oggetto: La Duchessa e il Capitano - Velma J. Starling   

Il portone di legno e ferro battuto cedette di schianto e si spalancò sotto un unico, solido colpo.
La donna stesa a terra alzò faticosamente lo sguardo, annebbiato dal colpo ricevuto e dal sangue che gocciolava dal sopracciglio spaccato. Riuscì a scorgere, sulla soglia, il gigantesco soldato vestito di nero.
Cercò di alzarsi, ma le forze la abbandonarono e si accasciò nuovamente a terra. Vide a malapena l'uomo alzare il suo giavellotto, pronto a scagliarlo.


— Come sto?
La nobildonna dai lunghi e voluminosi capelli biondi era davanti allo specchio, intenta a provare un ricco abito da sera.
— Benissimo, Duchessa — rispose la domestica. — Siete splendida.
— L'hai detto anche degli altri quattro, Tamsin, ma credo che stavolta ci siamo.
La ragazza alzò gli occhi al cielo, attenta a non farsi notare. Tirò leggermente il bordo del vestito, per essere certa che sfiorasse il pavimento senza essere d'inciampo. Poi esaminò la schiena della Duchessa, controllando che le spalline fossero perfettamente simmetriche e che la stoffa non facesse brutte pieghe.
— Può bastare, Tamsin. Andiamo avanti.
— Accomodatevi, mia signora — rispose la domestica spingendo garbatamente la sedia dietro di lei.
La duchessa si sedette e chiuse gli occhi. Tamsin le coprì il petto con un largo tovagliolo, poi le spalmò delicatamente un unguento sul viso. Quando la pelle lo ebbe assorbito, mise mano ai cosmetici appoggiati su un tavolino di fianco a lei. Tratteggiò appena i contorni degli occhi e delle labbra della nobildonna, poi applicò un tenue verde chiaro alle sue palpebre e una sfumatura di rosa scuro alle guance, alla fronte e al mento.
— Ecco, mia signora.
La duchessa aprì gli occhi e si osservò allo specchio. Si toccò i capelli, controllando che i fermagli dell'acconciatura fossero ben fissati, poi girò lentamente il volto a destra e a sinistra.
— Un lavoro eccellente, Tamsin. Riusciresti a far sparire nasi ben più prominenti del mio.
La ragazza sorrise.
— Il vostro naso non è prominente, mia signora. Solo leggermente appuntito e...
— E prominente — insisté la duchessa. — Ma dobbiamo valorizzare quel che abbiamo, giusto?
Così dicendo si alzò in piedi, passò il tovagliolo a Tamsin e si accertò che il bordo dell'abito lasciasse le spalle scoperte.
— Perfetto — affermò. — Adesso non mi resta che attendere un po' più del dovuto e presentarmi in elegante ritardo.
Yanez
Hobbit
Messaggi: 48
MessaggioInviato: Dom 01 Feb 2015 13:08 pm    Oggetto:   

Interessante e ben scritto. Bello il rapporto tra la frivola Duchessa e la sua cameriera.
Fer
Hobbit
Messaggi: 37
MessaggioInviato: Lun 02 Feb 2015 0:10 am    Oggetto:   

Un bel contrasto tra l'incipit drammatico e la scena seguente molto frivola.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Racconto Effemme - La vendetta Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum