Sanctuary


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8
Autore Messaggio
Rakanius
Drago
Messaggi: 540
Località: Milano
MessaggioInviato: Ven 26 Giu 2009 19:50 pm    Oggetto:   

Nel frattempo con la pubblicazione del racconto di Ali la mia pagina web


La Vetrina di Mondi Immaginari


ospita già due racconti non scelti nella selezione (il primo ovviamente è il mio). Ho deciso così di creare la raccolta elettronica I Racconti Perduti di Sanctuary (sdrammatizzando con un titolo volutamente autoironico...) e offrire lo spazio web a chi vuol ricevere qualche feedback dal pubblico.

Invito perciò gli autori che avevano partecipato alla selezione per lo slot riservato all'esordiente a contattarmi al mio indirizzo email
bruno_bac@yahoo.com
per mandarmi i loro lavori. Li pubblicherò nella pagina al più presto. Ovviamente non c'è lucro da parte mia con questa iniziativa e non ho intenzione di appropriarmi del lavoro altrui (del resto il copyright resta di chi ha creato i racconti).

Il pubblico è invitato a leggere e mandare le proprie valutazioni, ovviamente.
Bruno
--- partecipa al mio blog su:
http://www.mondifantastici.blogspot.com/
Ali
Hobbit
Messaggi: 59
MessaggioInviato: Ven 26 Giu 2009 20:58 pm    Oggetto:   

Rakanius ha scritto:
Nel frattempo con la pubblicazione del racconto di Ali la mia pagina web


La Vetrina di Mondi Immaginari


ospita già due racconti non scelti nella selezione


Ringrazio Rakanius per l'ospitalità. Simpatica, l'idea dei "Racconti Perduti"!
Spero che anche altri parteciperanno.
Grazie a chi vorrà leggere e commentare il mio racconto. Ciao!
Negróre
dannatamente umano
Messaggi: 2562
MessaggioInviato: Ven 26 Giu 2009 21:13 pm    Oggetto:   

Rakanius ha scritto:
Nel frattempo con la pubblicazione del racconto di Ali la mia pagina web


La Vetrina di Mondi Immaginari

Oh, là! Ecco! Bravo Bruno. Smile
Un sorriso, Andrea
Albacube
Balrog
Messaggi: 1239
Località: paesello in provincia di Padova
MessaggioInviato: Ven 26 Giu 2009 21:17 pm    Oggetto:   

Rakanius ha scritto:
Nel frattempo con la pubblicazione del racconto di Ali la mia pagina web
La Vetrina di Mondi Immaginari
ospita già due racconti non scelti nella selezione (il primo ovviamente è il mio). Ho deciso così di creare la raccolta elettronica I Racconti Perduti di Sanctuary (sdrammatizzando con un titolo volutamente autoironico...) e offrire lo spazio web a chi vuol ricevere qualche feedback dal pubblico.
Invito perciò gli autori che avevano partecipato alla selezione per lo slot riservato all'esordiente a contattarmi al mio indirizzo email
bruno_bac@yahoo.com
per mandarmi i loro lavori. Li pubblicherò nella pagina al più presto. Ovviamente non c'è lucro da parte mia con questa iniziativa e non ho intenzione di appropriarmi del lavoro altrui (del resto il copyright resta di chi ha creato i racconti).
Il pubblico è invitato a leggere e mandare le proprie valutazioni, ovviamente.

Apprezza tantissimo questa iniziativa e attendo altre "inquietanti presenze"... Laughing Wink
Ci oscureremo in un mondo di luce.
busto
Hobbit
Messaggi: 97
MessaggioInviato: Ven 26 Giu 2009 23:58 pm    Oggetto:   

Ottimo..presto arriverà anche il mio..anche se in verità si tratta di una collaborazione a 6 mani..
Anonimo (DH)
Ospite

MessaggioInviato: Sab 27 Giu 2009 11:54 am    Oggetto:   

Ho letto il racconto di Ali, Proxima. Deve fare la premessa che quando ho cominciato a leggerlo non mi aveva convinto molto. L'idea di un moribondo che lascia a qualcuno le sue memorie perchè non siano dimenticate non mi pareva il massimo. Non per via dell'originalità, quanto perchè non riusciva ad attecchire.
Ma con l'avanzare del racconto le vicende del protagonista hanno cominciato a prendermi: questo dovuto alla creazione dell'atmosfera di persecuzione e repressione della città, del disprezzo e del senso di superiorità espresso dagli umani verso i diversi. Reso molto bene il senso di solitudine e disperazione, la perdita di ideali ed illusioni, specie quelli della giovane età e della speranza.
Anche se non mi ha sorpreso che il protagonista fosse un centauro, ma non penso che questo volesse essere un fattore sorpresa, molto bella la parte in cui si parla della stella da cui prende titolo il racconto, da quando ne parla al piccolo umano a quando prima di morire vuole rivederla.
Nel finale, un finale davvero molto bello e toccante, viene fuori completamente l'anima del racconto, con l'unica frase pronunciata dall'angelo.
Quindi alla fine il giudizio non solo è migliorato, ma si è completamente capovolto: ottimo lavoro, denso e struggente. Hai reso molto bene lo spirito di Sanctuary. Complimenti Very Happy
Ali
Hobbit
Messaggi: 59
MessaggioInviato: Sab 27 Giu 2009 17:51 pm    Oggetto:   

Ohdrein, grazie! Very Happy Sono felice che “Proxima” ti sia piaciuto, le tue parole sono veramente lusinghiere! Ti ringrazio per aver voluto proseguire nella lettura, nonostante l’inizio non ti convincesse.
Lo so, l’inizio è lento, e lo è di proposito: la mia intenzione era quella di creare un’atmosfera fiabesca, irreale e nostalgica, anche per accentuare il contrasto con le vicende che seguono.
Hai ragione, non ho cercato il fattore sorpresa (anche se ho cercato un po’ di velare la natura del protagonista). Non ci sono capovolgimenti o colpi di scena. Mi interessavano l’aspetto psicologico e il rapporto fra i diversi e gli uomini, e anche le diverse anime della città.
Volevo soprattutto creare atmosfere, comunicare immagini, sensazioni, emozioni, e in base alle tue osservazioni mi pare di esserci riuscita.
Grazie ancora, Ohdrein, per aver letto e commentato! Anche tu hai partecipato a Sanctuary? Se posti qualcosa, sarò lieta di leggerti! Very Happy
spacechili
Nano
Messaggi: 191
MessaggioInviato: Sab 27 Giu 2009 18:16 pm    Oggetto:   

Rakanius ha scritto:
Nel frattempo con la pubblicazione del racconto di Ali la mia pagina web


La Vetrina di Mondi Immaginari


ospita già due racconti non scelti nella selezione (il primo ovviamente è il mio). Ho deciso così di creare la raccolta elettronica I Racconti Perduti di Sanctuary (sdrammatizzando con un titolo volutamente autoironico...) e offrire lo spazio web a chi vuol ricevere qualche feedback dal pubblico.

Invito perciò gli autori che avevano partecipato alla selezione per lo slot riservato all'esordiente a contattarmi al mio indirizzo email
bruno_bac@yahoo.com
per mandarmi i loro lavori. Li pubblicherò nella pagina al più presto. Ovviamente non c'è lucro da parte mia con questa iniziativa e non ho intenzione di appropriarmi del lavoro altrui (del resto il copyright resta di chi ha creato i racconti).

Il pubblico è invitato a leggere e mandare le proprie valutazioni, ovviamente.


Complimenti per l'iniziativa Rakanius.
Vado a tuffarmi nella lettura.
www.spacechili.blogspot.com

"Ha ragione Spacechili" - Marina
"Condivido il tuo pensiero Spacechili" - Okamis
"Concordo con te, Spacecili" - Ohdrein
Rakanius
Drago
Messaggi: 540
Località: Milano
MessaggioInviato: Sab 27 Giu 2009 19:06 pm    Oggetto:   

Per quanto riguarda Proxima, che ho letto oggi, il mio parere ricalca abbastanza quello di Ohdrein; forse potrei suggerire, in caso di una revisione futura, di limitare le fughe e le catture del centauro protagonista per farne pochi episodi ma più significativi; ad esempio con una più dettagliata progressione del peggiorare dell'atteggiamento umano nei confronti delle altre razze, o con qualche riferimento (prendendo ispirazione dalla storia di nativi americani, aborigeni ecc...) alla cultura e alla tradizione degli sconfitti che svanisce a poco a poco.
Bruno
--- partecipa al mio blog su:
http://www.mondifantastici.blogspot.com/
by Ax
Maia
Messaggi: 663
Località: Milano
MessaggioInviato: Sab 27 Giu 2009 20:52 pm    Oggetto:   

Bruno, ho letto il tuo racconto e mi è piaciuto, anche se non ne sono rimasto 'incantato'.

È scorrevole e, come già detto da altri, la prima parte è più introspettiva rispetto alla seconda; ma proprio a quest’ultima è lasciato il compito di movimentare la scena, di mostrare situazioni in grado di offrire più spunti di riflessione, quindi posso dire di averle apprezzate entrambe, ognuna funzionale a modo suo.

Nonostante io abbia letto due volte 'Khaibit', sul finale non ho una sensazione netta, perché se è vero che il protagonista, sfiduciato dall’umanità che lo circonda, sacrifica qualcosa di sé per accogliere un’altra anima compiendo così un tentativo di redenzione nei confronti della sua solitudine, è anche vero che l’anima in questione è quella del suo Maestro, qualcuno che ammira e di cui si fida. Tutto sommato un sacrificio ‘sicuro’, psicologicamente parlando. Come avrebbe agito se la richiesta fosse arrivata da un estraneo?
Ecco che compare Sara, vampira senz’anima che si mette contro il suo stesso gruppo per aiutare Ivan, a dimostrazione che non è il ‘diverso’ quello da temere... nonostante i mutantropi facciano pensare il contrario.
Insomma, il male, così come il bene, non fa discriminazioni di colore, pelle, o razza, ed è giusto che tu l’abbia mostrato in modo semplice. La diversità, nella sua accezione più negativa che crea 'mostri', è un concetto che appartiene a mentalità miopi e colme di pregiudizi, distante anni luce dalla semplicità che invece circonda la vita.

Forse Anita — stando alla particolare capacità di Ivan — è la diversità fatta persona (questa volta con accezione positiva) perché, cito: “la sua Anima l’avevo scrutata tante volte per la sudicia curiosità di trovarci lo stesso schifo che c’è in giro, ma lei era di una rettitudine, serietà e bontà che facevano rabbia”. Come dire più unica che rara.

Una sensazione che ho avuto è che fosse rivolto ad un pubblico di giovani. È così, magari per qualche regola del concorso?

OT: chiedo scusa se rubo spazio a Sanctuary con il commento per un 'racconto perduto di Sanctuary'.
Per ogni Giovanna d'Arco c'è un Hitler appollaiato dall'altra estremità dell'altalena. La vecchia storia del bene e del male.
CB
Rakanius
Drago
Messaggi: 540
Località: Milano
MessaggioInviato: Sab 27 Giu 2009 21:40 pm    Oggetto:   

@ By Ax: cominciamo dalla fine: il racconto non è rivolto a un pubblico di giovani, anche se la parte di pura azione certamente potrebbe risultare gradita a tale pubblico (ma io ho più di quarant'anni e le scene di azione scritte bene le leggo ancora molto volentieri, motivo per cui cerco anche di scriverne).

Quanto alla natura del dono di Ivan: si fa presto a dire che un tizio ha la facoltà di percepire quello che pensano gli altri, ma quale effetto potrebbe avere davvero un simile potere su una persona? Da questo parte tutto, e ci si ricollega anche la decisione di accogliere il proprio maestro dentro di sé. Non sono più stato solo vuol dire anche non ho mai più avuto un momento di privacy in vita mia. Siamo sicuri che sia sopportabile?

Vedere le emozioni e cogliere i pensieri degli altri vuol dire che se un amico o una fidanzata ha dei pensieri o sentimenti cattivi verso di te e te li nasconde per non ostacolare il rapporto, tu invece li conoscerai.
Ho immaginato insomma che ci sia un sacco di paranoia, dentro il dono di Ivan. E la consapevolezza non desiderabile di una delle più semplici verità, che in fondo siamo tutti soli. Anche se possono esistere persone semplici e rette, come Anita, che probabilmente è stata messa a far da custode a Ivan proprio perché lui ne ha una visione positiva.

Comunque anche della gente comune Ivan ha sì paura e disprezzo, ma ne riconosce allo stesso tempo la sofferenza quotidiana.

Quanto alle motivazioni della vampira (e del perché è una vampira) è una cosa che svilupperei e so anche come, ma non ho tempo per adesso.
Bruno
--- partecipa al mio blog su:
http://www.mondifantastici.blogspot.com/
Ali
Hobbit
Messaggi: 59
MessaggioInviato: Dom 28 Giu 2009 11:29 am    Oggetto:   

Rakanius ha scritto:
Per quanto riguarda Proxima, che ho letto oggi, il mio parere ricalca abbastanza quello di Ohdrein; forse potrei suggerire, in caso di una revisione futura, di limitare le fughe e le catture del centauro protagonista per farne pochi episodi ma più significativi


Grazie della lettura e del commento, Rakanius! Smile
In effetti sì, la trama di “Proxima” è forse un po’ frammentaria, ma mi è uscita così! anche perchè volevo raccontare un’intera vita…
Le tue osservazioni sono giuste, ma mi è venuto spontaneo focalizzarmi sul protagonista, lasciando sfumato il contesto storico e culturale della sua razza e puntando più sull’aspetto emotivo che su quello descrittivo. Certo, le possibilità di svolgimento di un racconto sono infinite, e il problema è sempre decidere come sfruttare al meglio lo spazio che abbiamo!

Ho letto con interesse le tue ultime osservazioni su “Khaibit”: l’ipotesi della persona che “sente” i pensieri degli altri, pur non essendo nuova, è sempre affascinante. Una buona materia per un romanzo!
Rakanius
Drago
Messaggi: 540
Località: Milano
MessaggioInviato: Ven 03 Lug 2009 0:42 am    Oggetto:   

Dal momento che l'iniziativa di raccogliere i Racconti Perduti di Sanctuary ha avuto uno spazio nelle news di Fantasy Magazine incoraggio a spostare là la discussione:
http://www.fantasymagazine.it/forum/viewtopic.php?t=13341&highlight=
Bruno
--- partecipa al mio blog su:
http://www.mondifantastici.blogspot.com/
Maria Vanna Pisotta
Hobbit
Messaggi: 9
MessaggioInviato: Ven 28 Feb 2020 16:11 pm    Oggetto:   

Ho letto ora Proxima e ho apprezzato l'approfondimento psicologico del protagonista anche se hai tralasciato un pò il contesto. Complimenti per l'iniziativa. 
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle recensioni Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum