I Fuochi del Cielo


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo
Autore Messaggio
Negróre
dannatamente umano
Messaggi: 2562
MessaggioInviato: Gio 23 Dic 2004 14:39 pm    Oggetto:   

frankifol ha scritto:
Premesso che è vero che il lavoro della ciocci è vergognoso, quanto è giusto che la traduzione possa influenzare il giudizio sul libro? al max dovrebbe influenzare il giudizio da dare a fanucci...

E' vero che robert Jordan non ne ha colpa, ma il lettore non acquista soltanto Robert Jordan se esce dalla libreria con "I fuochi del cielo". Il costo del romanzo comprende anche i costi della traduzione e dell'edizione e il romanzo va considerato nel suo totale.
Poi, è chiaro che una recensione ponderata, come è quella di Daniele, specifica che il contenuto del romanzo non è da 2 stelle, ma da 3 e mezzo.

In definitiva, il giudizio deve comprendere la traduzione. Si può prescindere dalla copertina, dalla traduzione del titolo e da altri particolari che fanno parte dell'oggetto, ma per ciò che concerne il testo direi che bisogna tener conto di tutto, perché ne va della fruibilità dell'opera.
Un sorriso, Andrea
Daniele
Elfo
Messaggi: 210
MessaggioInviato: Gio 23 Dic 2004 19:53 pm    Oggetto:   

frankifol ha scritto:
meditavo su un altra cosa. Premesso che è vero che il lavoro della ciocci è vergognoso, quanto è giusto che la traduzione possa influenzare il giudizio sul libro? al max dovrebbe influenzare il giudizio da dare a fanucci...forse la penso così perchè ho letto il libro prima in lingua originale...
sarebbe come giudicare il libro su un racconto orale fatto di persona.


Purtroppo si, una pessima traduzione può decisamente rovinare un buon libro. Comunque, come ha osservato Andrea, il libro come contenuti è tra il buono e l'ottimo. Sempre de gustibus
Se Ciocci non avesse copiato spudoratamente da Staffilano la traduzione dei primi tre volumi, probabilmente le recensioni sarebbero state meno lusinghiere. A rigor di logica lo stesso libro in due edizioni differenti, con due traduttori differenti potrebbe avere due recensioni differenti. Uno scritto bene e l'altro da cani.
Se fossero giunte per prime le edizioni fanucci, rispetto alle mondadori? Avremmo forse giudicato Jordan un pessimo scrittore, con delle ottime idee, fino a quando qualche lettore anglofono non ci avesse svelato l'arcano.

Penso onestamente che avendo letto il libro in inglese tu possa tollerare maggiormente una cosa scritta male. Tornare sui propri passi per dover comprendere un periodo complesso è frustrante. Se l'autore fosse stato italiano e non italiana la traduttrice, non sarei mai andato oltre le prime 30 pagine. L'ho letto tutto perchè l'autore è R. Jordan, uno dei miei preferiti in assoluto.

Era il primo libro che leggevo con la traduzione della Ciocci, avendo avuto la fortuna di ottenere anche il IV con quella di Staffilano, ed il colpo è stato realmente duro.

Non sono assolutamente un maniaco del linguaggio e della scrittura, ma non mi ero mai trovato di fronte ad un lavoro di tal fatta. Le idee non bastano, mi spiace.

Riflessione. E' curioso come IV e V libro siano un vero spartiacque tra due correnti di amanti di Jordan. Su diversi forum, anche in lingua inglese, chi ha amato il IV libro, ritenedolo il migliore, ha poi fatto fatica ad apprezzare allo stesso modo il V; chi invece ha ritenuto il IV un passo falso dello scrittore, ha poi tirato un sospiro di sollievo con i Fuochi del Cielo. Io sicuramente appartengo alla prima categoria ed immagino che Frank appartenga alla seconda.
Daniele
Elfo
Messaggi: 210
MessaggioInviato: Gio 23 Dic 2004 19:57 pm    Oggetto: Re: I Fuochi del Cielo   

Gianfranco Jr. Fautario ha scritto:
Mi trovo totalmente d'accordo con la recensione.
Libro che "poteva essere", ma che "non è" per tutti i motivi elencati dal recensore.


Grande mister. Benvenuto e si registri.

Wink
Lord Rahl
Hobbit
Messaggi: 5
MessaggioInviato: Ven 24 Dic 2004 13:01 pm    Oggetto:   

Grazie Mister Wink

Anche io ho avuto la fortuna di leggere come te la traduzione di Staffilano ed indubbiamente il passaggio è stato traumatico : mi era capitato poche volte di rileggere un passaggio così spesso come in questo libro. Se non fosse stato un libro di Jordan, lo avrei accantonato subitissimo.

Come si fa a preferire questo libro al IV non lo so, ma il mondo è pieno di teste che la pensano in modo differente....

Apprezzare la parte del serraglio lo trovo veramente un'impresa!Io aspettavo ad ogni capitolo le lezioni di Asmodean a Rand, ma non si sono mai presentate.Indubbiamente è una scelta dell'autore, che però non condivido.Se poi nei libri futuri si spiegherà di come Rand impari ad adoperare l'Unico Potere, questo non lo so e non mi interessa, io giudico quelo che ho letto fino ad ora, non posso aspettare anni per dare un giudizio.

Premesso che il personaggio di Nynaeve a parer mio è veramente antipatico come pochi(manco Polgara era a questi livelli...), non ne potevo + di tutte le sue seghe mentali.Non è che un personaggio per evolversi deve per forza avere crisi pre-mestruali per centinaia/migliaia di pagine...

Per non parlare di Perrin!Che fine ha fatto?Jordan in questo libro ha preso spunto dal terzo, dove Rand non si vede quasi mai e ha amplificato questo "modus operandi" addirittura non menzionandando uno dei personaggi chiave!!!

Ultima nota : mi sa che Jordan si è fatto prendere dalla fama di successo e di dollari, non volendo porre fine alla saga per guadagnarci il + possibile.Ora se pensate che il primo libro se non sbaglio è del 1990 l'ultimo, se tutto va bene dovrebbe uscire nel 2006/7...16 anni per scrivere la saga?Ma uno fa in tempo a crepare in questo periodo!Lo stesso errore commesso da Goddkind.
frankifol
Balrog
Messaggi: 1460
Località: roma
MessaggioInviato: Ven 24 Dic 2004 13:08 pm    Oggetto:   

se si azzarda a morire prima di aver finito vado a manifestare contro di lui durante il funerale...
-Kruppe-
IppoPato IppoPato
Messaggi: 14989
Località: Darujhistan
MessaggioInviato: Ven 24 Dic 2004 13:09 pm    Oggetto:   

frankifol ha scritto:
se si azzarda a morire prima di aver finito vado a manifestare contro di lui durante il funerale...


Quoto Cool Laughing Laughing Laughing
Perrin Aybara
Fratello dei Lupi
Messaggi: 7104
Località: dreamland
MessaggioInviato: Ven 24 Dic 2004 13:23 pm    Oggetto:   

Lord Rahl ha scritto:
Per non parlare di Perrin!Che fine ha fatto?

Eccomi! Very Happy
[connessione persa...]
MessaggioInviato: Gio 30 Dic 2004 16:31 pm    Oggetto: Mah!   

Mah, quando lessi che la pubblicazione dei romanzi di Jordan sarebbe stata velocizzata rimasi un po' perplesso perchè temevo che accadesse quello che è accaduto nei Fuochi del Cielo e che è spiegato perfettamente nella recensione.
Personalmente mi sembra che la traduzione dei primi quattro libri sia buona per cui mi pare evidente che il problema riguardi la scelta di pubblicare il 5° libro dopo soli 7 mesi dal precedente.
Se questo è il risultato preferisco leggermi solo un libro all'anno di Jordan ma con un'edizione molto ben curata.
Sulla storia, il mio guidizio è in linea con quello degli altri quattro romanzi, decisamente ottimo. Non mi sembra che ci siano motivi per ritenere I fuochi del cielo sotto la media, ma d'altra parte è una questione di gusti.

Mi chiedevo, non c'è un modo per far arrivare alla Fanucci queste nostre considerazioni in modo che non ripetano l'errore?

Ciao,
Kruppe
Negróre
dannatamente umano
Messaggi: 2562
MessaggioInviato: Gio 30 Dic 2004 16:52 pm    Oggetto: Re: Mah!   

Kruppe, uomo di falsa mod ha scritto:
Mi chiedevo, non c'è un modo per far arrivare alla Fanucci queste nostre considerazioni in modo che non ripetano l'errore?

Pensi che Fanucci, o chi per lui, non sondi la rete regolarmente? Wink

In ogni caso, credimi, le lamentele gli sono arrivate da più parti.
E, comunque, fino al IV libro esistevano le traduzioni precedenti (sì, esisteva anche quella del IV, di Staffilano, mi pare), il che fa pensare che i tempi influiscano, ma meno di altri fattori...
Un sorriso, Andrea
frankifol
Balrog
Messaggi: 1460
Località: roma
MessaggioInviato: Gio 30 Dic 2004 17:57 pm    Oggetto:   

da quello che sapevo la traduzione del quarto di staffilano esiste ed è circolata...
Kruppe
Hobbit
Messaggi: 1
MessaggioInviato: Dom 02 Gen 2005 12:54 pm    Oggetto: -   

A proposito della traduzione Kruppe vuole ricordare un episodio avvenuto alla Fiera del Libro di Torino dove Jordan ha partecipato ad un incontro col pubblico.
L'organizzazione della fiera manda una sua traduttrice ma Fanucci avanza la proposta di far tradurre le parole di Jordan alla Ciocci. Chiede anche a noi cosa ne pensiamo e noi siamo d'accordo visto che la Ciocci potrà comprendere i riferimenti alla trama e nomi di luoghi e personaggi più agevolmente e quiindi essere più efficace rispetto alla persona mandata dall'organizzazione.
Peccato che Kruppe conosca discretamente l'inglese e non possa far a meno di notare quanto tirate via siano le traduzioni della Ciocci delle risposte di Jordan al pubblico.
Una su tutte mi è rimasta impressa.
Una ragazza/donna del pubblico chiede a Jordan cosa pensa del paragone tra lui e Tolkien o meglio del fatto che lui sia considerato l'erede di Tolkien.
Risposta di Jordan: I don't care. I'm not the second coming of Tolkien, I'm the first coming of Robert Jordan.
Traduzione della Ciocci: Dice che non gli interessa questo paragone.
Traduzione di Kruppe: Non mi importa. Non sono il secondo avvento (la seconda venuta) di Tolkien, sono il primo avvento di Jordan.
The Second Coming è una poesia (bellissima) di Yeats. Comunque la risposta di Jordan al di là della citazione conteneva una battuta biblica che non è stata colta dalla Ciocci (il secondo avvento di Gesù).

Quasi dimenticavo...Kruppe naturalmente non ha potuto esimersi dal fare una domanda a Jordan per concedergli l'onore di rispondere a Kruppe.

Ciaoooo
Negróre
dannatamente umano
Messaggi: 2562
MessaggioInviato: Dom 02 Gen 2005 14:51 pm    Oggetto: Re: -   

Kruppe ha scritto:
Quasi dimenticavo...Kruppe naturalmente non ha potuto esimersi dal fare una domanda a Jordan per concedergli l'onore di rispondere a Kruppe.

Laughing Laughing Laughing
Certo che ti sei calato proprio bene nel personaggio... Wink
Un sorriso, Andrea
Aliser
Balrog
Messaggi: 1398
MessaggioInviato: Dom 02 Gen 2005 16:07 pm    Oggetto:   

Non concordo molto con la recensione.
Ho trovato il libro molto bello e la parte del serraglio mi è sembrata utile in chiave futura per tutti i personaggi che ne sono coinvolti.

Come già detto la traduzione è assolutamente pessima....
La Ciocci si dovrebbe dare una regolata
Daniele
Elfo
Messaggi: 210
MessaggioInviato: Mer 05 Gen 2005 13:39 pm    Oggetto:   

secondo me il libro è ottimo esclusivamente nelle ultime 150 pagine.
-Kruppe-
IppoPato IppoPato
Messaggi: 14989
Località: Darujhistan
MessaggioInviato: Mer 05 Gen 2005 13:47 pm    Oggetto: Re: -   

Negróre ha scritto:
Kruppe ha scritto:
Quasi dimenticavo...Kruppe naturalmente non ha potuto esimersi dal fare una domanda a Jordan per concedergli l'onore di rispondere a Kruppe.

Laughing Laughing Laughing
Certo che ti sei calato proprio bene nel personaggio... Wink


Non so se sia stato più spassoso leggere come parlava Kruppe o leggere i suoi post su FM... Very Happy Very Happy Very Happy.

Psss, abbiamo creato un mostro, lo sai ? Razz
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle recensioni Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum