Steampunk, ovvero “come sarebbe stato diverso il passato se


Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo
Autore Messaggio
FantasyMagazine
Balrog
Messaggi: 4381
MessaggioInviato: Lun 25 Ott 2010 14:42 pm    Oggetto: Steampunk, ovvero “come sarebbe stato diverso il passato se   

Steampunk, ovvero “come sarebbe stato diverso il passato se il futuro fosse accaduto prima”.

Il Fantastico a Vapore: nascita, crescita e oltre

Leggi l'articolo.
Palin
Re sotto la montagna
Messaggi: 15146
Località: Solace
MessaggioInviato: Lun 25 Ott 2010 14:51 pm    Oggetto:   

Mi piace (l'articolo, non il genere), ebbrava Kinzica.
TK7 should, of course, be named Neville – Neville and Luna, a match made in heaven.
un muspeling
apprendista incendiario
Messaggi: 5312
MessaggioInviato: Lun 25 Ott 2010 15:16 pm    Oggetto:   

Sì! Bell'articolo! Applausi
Melian
Balrog
Messaggi: 1211
MessaggioInviato: Lun 25 Ott 2010 15:38 pm    Oggetto:   

Articolo molto interessante benchè lo steampunk non sia proprio il mio genere preferito, ho provato a leggere Homunculus di Blaylock e ho abbandonato, ma non faccio mistero che amo poco la sia fantascienza che si mischia con il fantasy, e viceversa, sia i romanzi ucronici.

Benchè ne abbia intuito l’intento, non sono molto d’accordo sui titoli presentati alla fine soprattutto su Veniss Underground e The Windup Girl.
Sul primo in effetti si può discutere: per me è fantascienza a tutti gli effetti, quasi cyberpunk, poichè ambientata in un futuro prossimo tutto sommato molto tecnologico. Forse è l’unico romanzo SF di VanderMeer, infatti City of Saints and Madmen, e i suoi spin off, sono più assimilabili al Weird Fantasy o allo Steampunk (e infatti non sono riuscita a terminarlo).
The Windup Girl invece è proprio un romanzo di fantascienza, nè steam, nè punk, nè weird: ci sono le mongolfiere e animali da soma per fare muovere le macchine ma solo perchè è finito il petrolio e non c’è altro mezzo per muoversi. Per il resto è ambientato in un futuro alquanto realistico: zero petrolio, livello del mare innalzato, società che monopolizzano la vendita di semi geneticamente modificati e resistenti alle malattie.

Poi siame alle solite, le etichette sono spesso labili e discutibili e servono vuoi per vendere vuoi per collocare, almeno in forma macro, il romanzo che si sta leggendo mentre se ne parla con gli amici…giusto per il gusto di beccarsi il solito “Maddai ti piace la fantascienza/fantasy? Io non la tocco nemmeno con un palo di 20 metri! Sto leggendo Zafon invece”.

La domanda che chiude l’articolo è pertanto più che condivisibile, soprattutto sul termine “contestato” Very Happy
Una possibile risposta e un suggerimento per il prossimo articolo sul tema http://tinyurl.com/325vxlr Mr. Green


PS: l’ho letto un romanzo di Zafon…beh ma è urban fantasy!
Elyria
Anjin
Messaggi: 4837
Località: fra la terra e il mare
MessaggioInviato: Lun 25 Ott 2010 16:17 pm    Oggetto:   

Ciao Melian, grazie di aver letto e commentato il pezzo ^__^

Mi guardo sicuramente il link che hai indicato. Se l'argomento steam etc interessa, è probabile che scriva altri articoli, anche per chiarire meglio certi punti.

@ Palin e Muspeling: Troppo buoni, ragazzii! Embarassed Very Happy
http://novatlantide.wordpress.com/

Caoticista nell'animo.
Marina
Bracchetto del Cheshire
Messaggi: 4980
MessaggioInviato: Lun 25 Ott 2010 17:02 pm    Oggetto:   

Molto informativo per chi, come me, non ama il genere (credo che Leviathan sarà il mio primo e ultimo passo in questa direzione, al di là dell'inconsistenza specifica, è proprio l'atmosfera a non dirmi nulla) e quindi si perde fra le mille etichette Wink Brava Cris!
Palin
Re sotto la montagna
Messaggi: 15146
Località: Solace
MessaggioInviato: Lun 25 Ott 2010 21:46 pm    Oggetto:   

Marina ha scritto:
Molto informativo per chi, come me, non ama il genere


Hai riassunto anche il mio pensiero...
TK7 should, of course, be named Neville – Neville and Luna, a match made in heaven.
Elyria
Anjin
Messaggi: 4837
Località: fra la terra e il mare
MessaggioInviato: Lun 25 Ott 2010 23:19 pm    Oggetto:   

Marina ha scritto:
Molto informativo per chi, come me, non ama il genere (credo che Leviathan sarà il mio primo e ultimo passo in questa direzione, al di là dell'inconsistenza specifica, è proprio l'atmosfera a non dirmi nulla) e quindi si perde fra le mille etichette Wink Brava Cris!


Grazie ^__^, e comunque Leviathan non è piaciuto nemmeno a me. Altrove, mi sono espressa in proposito con meno grazia di qui ... (vedi Anobii) Mr. Green
http://novatlantide.wordpress.com/

Caoticista nell'animo.
CDuMbledore
Modessa Modessa
Messaggi: 14732
MessaggioInviato: Lun 25 Ott 2010 23:31 pm    Oggetto:   

Well done, Kinz, mi hai aperto un mondo.

Magari mi appunto qualche titolino... Cool spero non mi crolli la colonna di libri da leggere, ma un paio del genere ce li inserisco. Wink
Rolling Eyes
Stefania
Vala
Messaggi: 965
Località: roma
MessaggioInviato: Mar 26 Ott 2010 10:39 am    Oggetto:   

Mi associo ai complimenti per l'articolo: chiaro e completo per far capire anche ad un pubblico non così esperto di cosa stessi parlando!

Sono contenta di aver pensato, subito dalle prime righe dell'articolo, che La bussola d'ora fosse l'unico libro che avevo letto a rientrare in una tale descrizione....e poi infatti l'ho visto richiamato! Cool
"Se le ali del Vento dell'Ovest portassero un corpo visibile, tale ci apparirebbe", disse Eomer mentre il cavallo si avvicinava per arrestrasi infine avanti allo stregone.
uljanka
Sua Luminosa Oscurità
Messaggi: 5714
MessaggioInviato: Ven 29 Ott 2010 16:09 pm    Oggetto:   

Beh, che ne dite dell'opinione di Charles Stross sullo Steampunk odierno?
Traduco liberamente. L'originale è qui:

http://www.antipope.org/charlie/blog-static/2010/10/the-hard-edge-of-empire.html

Citazione:
"Il fatto è che oggi di Steampunk ce nè fin troppo e il genere rischia di andare in malora per suo stesso demerito - l'espressione originale è più colorita- a causa dell'effetto copista (l'artista vede un paesaggio e lo dipinge, il copista riproduce l'opera dell'artista).
Questo fenomeno è già capitato ad altri sotto-generi, per esempio al cyberpunk, e più recentemente, al genere "Vampiri sberluccicanti in ammore" : stiamo per cadere nel baratro dell'eccessivo sfruttamento. Forse tra poco diverrà un genere a parte, o addirittura una nuova etichetta per gli scaffali delle librerie, ma per ora è semplicemente un genere troppo frequentato. La categoria è ormai piena di spazzatura, di opere fotocopia, e di autori non sanno far di meglio che saltare sul carro del vincitore. [....]

C'è poi un lato ancora più oscuro: pensiamo al mondo da cui lo Steampunk prende l'ispirazione... beh se il passato fosse una nazione sarebbe meglio non emigrarvi. La vita era quasi sempre spiacevole, brutale e breve, la condizione della donna (negli USA e in Gran Bretagna) era peggiore di quella dell'Iran di oggi...

[cut cut]

Altro che aristocratici che sorbiscono il tè in sofisticati salotti vittoriani, altro che contrabbandieri aerotrasportati del "wild wild west"! Un epos steampunk veramente contestatore dovrebbe rappresentare, per esempio, le fatiche dei contadini delle colonie che sgobbano minacciati dai fucili dei Signori degli Zeppelin, un paradiso tropicale dove le mani umane mozzate servono da moneta corrente e non basta suicidarsi per sfuggire alla schiavitù (Oggi vanno di moda gli zombie e gli zeppelin?, Allora vai con gli zombie!).
Dovrebbe renderci note le pene di una prostituta affamata d'una città del Nord Europa durante un periodo di recessione, con tanto di figli accidentali (la contraccezione sarebbe crimine) consegnati a un "allevamento di bebè" dove un tasso di mortalità del 90% sia assicurato.
Mostrarci la cruda brutalità delle truppe che prendono il soldo del Re per spaccare le teste degli operai che scioperano per una settimana di 60 ore di lavoro. Farci vedere gli sguardi spenti e le dita mutilate di bambini di nove anni costretti a lavorare su telai a vapore per produrre abiti per ricchi.
Rappresentare graziose debuttanti dalla testa vuota educate per essere merce di scambio che arricchisca i loro genitori...

[CUT]

Putroppo nessuna di queste cose sarebbe divertente"


A dire il vero nell'ottocento molte opere letterarie erano costruite su questi temi di denuncia (senza zombie, però). In fondo i romanzi d'epoca vittoriana fossero, nel denunciare gli orrori della società industriale, molto più estremi dello steampunk moderno "normalizzato".
E io, che sono Tenebra, altro non posso vedere se non la Luce, e perciò sono la Luce.

Quando qualcuno dice 'io non credo nelle fate' da qualche parte una fata ride e prepara il suo fucile.
sweet c
Hobbit
Messaggi: 43
MessaggioInviato: Ven 29 Ott 2010 16:45 pm    Oggetto: Re: Steampunk, ovvero “come sarebbe stato diverso il passato   

Solo una nota: i Transformers non sono prodotti dalla Lego, ma dalla Hasbro ammicca
Come vuoi morire? Boccheggiando in un letto, imbottito di medicine... o con la spada in mano mentre assalti un impero? - Robin Wood [Dago]

Una notte d'amore è un libro letto in meno - Honoré de Balzac
Zweilawyer
Elfo
Messaggi: 260
MessaggioInviato: Ven 29 Ott 2010 19:42 pm    Oggetto:   

Kinzica cosa ne pensi delle critiche mosse al tuo articolo dall'ultimo post apparso su Baionette Librarie?
uljanka
Sua Luminosa Oscurità
Messaggi: 5714
MessaggioInviato: Ven 29 Ott 2010 20:18 pm    Oggetto:   

Guarda Zwei, io penso che sia meglio riportare paro paro gli appunti del Duca, che fondamente sono tutti corretti, sfrondati del suo umorismo da gentiluomo vittoriano che sarebbe irritante per chiunque.

Citazione:
la lettera (citata ancor prima dell'articolo vero e proprio) è apparsa su Locus dell’aprile 1987, non nel 1979.


Su Gibson e lo steampunk

Citazione:
Il termine non venne ufficializzato (da "La macchina della realtà") .... La fama di Gibson e Sterling aiutò a dare visibilità allo steampunk e a renderlo popolare come Fantascienza Retrofuturistica nonostante Gibson stesso non fosse interessato al genere in sé e detestasse le etichette.


e, più avanti,

Citazione:
The Difference Engine NON è il manifesto della percezione originaria dello Stempunk. La caratteristica fondamentale di The Difference Engine è di essere MOLTO DIVERSO dalle altre opere Steampunk, scegliendo la Storia Alternativa e lo sviluppo tecnologico anticipato si pone su un piano diverso da The Anubis Gates (science-fantasy con maghi egizi e viaggi nel tempo gestiti alla provolone), Morlock Night (ispirato a un’opera di Wells, con Merlino e Artù perché sì: era un gioco tra lui e Powers metterli dove capitava) o Infernal Devices (gonzo-historical fiction pura, con uomini pesce e boiate miste).


e poi

Citazione:
Riguardo lo Smog, doppio sigh: il problema nel romanzo non è lo Smog delle industrie, ma “the Stink” ovvero la puzza di marcio del Tamigi in estate che costringe il Parlamento alla fuga e getta la città nel caos, con visibilità ridotta e morti intossicati dalla nebbia giallastra. La crisi del Tamigi fa da sfondo al tentativo sovversivo del gruppo di anarco-comunisti.i. L’episodio della Puzza non è altro che la riproposizione senza originalità della Grande Puzza del 1858.


Su Digitale e Analogico:

Citazione:
La Macchina Analitica di Babbage, il calcolatore meccanico messo in funzione da motori a vapore, è una macchina digitale in quanto lavora su sequenze di numeri prese da un insieme di valori discreti (ovvero un insieme di numeri ben definito e circoscritto). Una macchina analogica invece non lavora su numeri in sé, ma su variazioni continue di stati fisici, come nel caso dei calcolatori analogici per il tiro dei cannoni navali. Le macchine analogiche si possono usare per simulare valori numerici nel caso di compiti specifici (tot giri della manopola tal dei tali se vogliamo indicare la velocità X del bersaglio ecc…), ma di per sé non manipolano numeri.


Sul significato di Punk come contestazione anarchica della realtà

Citazione:
Il punk in questo senso non è un elemento determinante dello steampunk e che il punk stesso nel nome è lì solo per via del gioco di parole a partire da Cyberpunk. Il Cyberpunk è punk, lo Steampunk non necessariamente. Il Dieselpunk ha già connotati di punk più vicini a quelli del Cyberpunk. Punk nei generi è diventato sinonimo di “c@$$atona tecnologicamente alternativa”, come faceva notare GURPS stesso coniando termini come Clockpunk. O anche Sandalpunk: bizzarrie mongole clockpunk nel mondo degli antichi greci e romani.


Sulla Macchina differenziale:

Citazione:
la Macchina Differenziale (che non è il computer programmabile che pensi) è stata davvero costruita, in più esemplari, dallo svedese Per Georg Scheutz a partire dal 1855. Uno venne venduto anche al governo britannico, nel 1859.




Droghe ottocentesche:

Citazione:
La cocaina è una droga Ottocentesca, tanto da essere protagonista di un saggio di Sigmund Freud del 1884, Über Coca,


Citazione:
Pure l’eroina è una droga del Lungo XIX secolo: venne commercializzata dalla Bayer dal 1898 al 1910 in comode confezioni a prezzo modico, con due dosi e una siringa


Il fantastico distrugge sempre i confini?

Citazione:
Lo Steampunk non distrugge nessun confine: se ne sta buono buono (ma incarognito nell’animo, se è Steampunk di qualità) come sottoinsieme pseudo-Ottocentesco di generi più grandi


Alcune critiche (quelle sul punk come contestazione e il fantastico come "sconfinamento") sono tutte da discutere, le altre, più precise nei contenuti, potrebbero essere uno spunto per migliorare l'articolo.
E io, che sono Tenebra, altro non posso vedere se non la Luce, e perciò sono la Luce.

Quando qualcuno dice 'io non credo nelle fate' da qualche parte una fata ride e prepara il suo fucile.
Marina
Bracchetto del Cheshire
Messaggi: 4980
MessaggioInviato: Ven 29 Ott 2010 22:41 pm    Oggetto:   

Zweilawyer ha scritto:
Kinzica cosa ne pensi delle critiche mosse al tuo articolo dall'ultimo post apparso su Baionette Librarie?


perché il lord de noantri non ce le viene a riferire lui?
Non che per me faccia differenza eh, la noia sarebbe uguale. Ma giusto per mostrare un po' di quella coerenza di cui latra tanto... Rolling Eyes
O c'ha bisogno del paggio che gli fa da ambasciatore?
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle rubriche Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum