Onore mercenario


Autore Messaggio
Barbagianni
Balrog
Messaggi: 1005
MessaggioInviato: Lun 11 Giu 2012 14:54 pm    Oggetto: Onore mercenario   

Qualcosina uscita dai meandri delle mie cartelle...l'avevo quasi finita, così oggi ci ho dato il colpo di grazia Wink



Un insegna con il nome ‘Il verme nella mela’ scarabocchiato col carbone segnalava ai passanti che quell’edificio basso, dal tetto di paglia malandato e dalle finestre alte e strette, era a tutti gli effetti una locanda. Nella fattispecie, era il genere di postaccio di terz’ordine in cui si pagava poco oro, si beveva molta birra annacquata, scoppiavano risse furibonde ma che soprattutto accettava fra la clientela le compagnie mercenarie che in quel periodo parevano più numerose delle pulci sui cani. Non era ben chiaro se effettivamente si vendessero anche mele oppure no.
La sala comune, male illuminata e piena di fumo ed effluvi di varia natura, era abbastanza spaziosa da ospitare una mezza dozzina di grosse tavole e, per i clienti che preferivano la riservatezza, un numero simile di tavoli più piccoli addossati alle pareti. Un ragazzetto con due peli sul mento e un vecchio elmetto in testa entrò allora dalla porta principale e con espressione trionfante si diresse proprio verso uno dei tavoli d’angolo.
«Ho accettato una cerca!» esordì.
«Tu hai fatto cosa?» chiese stupefatta il loro capo, una nerboruta guerriera con tanto di reggipetto borchiato e benda sull’occhio. Tra i compagni seduti attorno al tavolo scattò quel misterioso meccanismo che permette di avere conversazioni che vanno dal sussurro alle urla perfino nel mezzo di una taverna di terz’ordine affollata e rumorosa; di solito, è una cosa che preannuncia guai.
Il novellino non registrò il fatto, col suo bel sorriso a trentuno denti e l’espressione soddisfatta. «Te l’ho detto, ho accettato una cerca!»
«A parte che si dice lavoro e non cerca, siamo dei mercenari seri» spiegò con calma il capo, la summenzionata donna con la benda, posando il suo boccale. «Mi pareva di averti già spiegato, in modo molto chiaro, che di queste cose si doveva discuterne tutti insieme. Soprattutto con me» continuò. «Per quanto semplice, il nostro codice di condotta ci lega a un contratto accettato, per questo se ne deve parlare con tutti.»
«Ma ti dico che è una cerca, non un lavoro!» continuò lui, gesticolando in preda ad una eccitazione crescente. «Senti, il Prescelto mi ha detto...»
«Eh?» saltò su lo stregone, risvegliandosi dal suo torpore e facendo cadere la barba finta per terra. «Hai detto proprio Prescelto?»
«Certo!»
«Con la p maiuscola?» squittì il tagliaborse ed esperto di infiltrazione del gruppo, dando una rapida occhiata alle vie di fuga disponibili.
«Di quelli nati per compiere grandi gesta, cambiare il mondo, eccetera eccetera?» continuò lo stregone, ripescando la barba da terra e cercando di ricordarsi un incantesimo per far sparire i novellini.
«Proprio uno di loro» rispose quello, orgoglioso come un pavone in parata.
«Brutto segno» concluse il ladro vestito di nero.
«Ah...per te tutto è un brutto segno» gli rinfacciò il novellino, piccato.
«No, il tagliaborse ha ragione» disse il capo, troncando la disputa sul nascere. «Questa storia non mi piace, troppi lati poco chiari. Primo, tu non avevi l’autorità per accettare alcun contratto e secondo, cosa dovremmo fare di preciso, al fianco di questo prescelto?» L’ultima parola le pizzicò la punta della lingua, come se avesse assaggiato una zuppa troppo calda.
Il ragazzo prese un bel respiro e recitò con gusto: «Penetrare nella Rocca del Male, sconfiggere le guardie, sfidare il Nero Campione, prendere la sua spada, l’unica arma in grado di uccidere il Signore Oscuro della Rocca, e sconfiggerlo per sempre.»
Ci fu un attimo di silenzio gelido, in cui tutti cercarono di valutare quanto fosse stato serio. Nella taverna alle loro spalle, si stava scatenando una rissa.
«Tu sei scemo» concluse il capo quando si rese conto che non scherzava. «Ma che ti sei messo in testa? Non faremmo neanche due passi prima di morire, prescelto o non prescelto!»
«Ma ormai ho dato la mia parola» piagnucolò.
Il capo serrò la mascella, più volte. Erano questi i momenti che ogni vero capo temeva, ma erano anche i momenti in cui si vedeva davvero di che pasta erano fatti, in cui si capiva veramente se un uomo era un vero uomo…o bè, nel suo caso una donna.
Scambiò una rapida occhiata con gli altri, che annuirono impercettibilmente. «Scusami, ma è per il nostro bene.»
Partirono quella stessa notte dopo averlo tramortito, legato e imbavagliato, caricato a forza su un cavallo e fatto perdere le loro tracce.
Quando qualcuno dice 'io non credo nelle fate' da qualche parte una fata si segna nome, cognome e indirizzo.

Trolls? Io odio i trolls! - Willow
kayton
Hobbit
Messaggi: 11
MessaggioInviato: Dom 08 Lug 2012 11:29 am    Oggetto:   

ma il racconto prosegue?
Barbagianni
Balrog
Messaggi: 1005
MessaggioInviato: Dom 08 Lug 2012 12:34 pm    Oggetto:   

No. Credo di avere come vizio il racconto col finale un po' aperto.
Quando qualcuno dice 'io non credo nelle fate' da qualche parte una fata si segna nome, cognome e indirizzo.

Trolls? Io odio i trolls! - Willow
thyangel83
Gollum
Messaggi: 729
Località: Ovunque
MessaggioInviato: Gio 12 Lug 2012 10:16 am    Oggetto:   

@ Barbagianni

Complimenti per l'ironia. E' davvero spassoso. Anche le similitudini e le immagini evocative mi sono piaciute molto.
Più che un racconto col finale aperto, in realtà, mi ha dato l'idea di essere una "scena", la descrizione di un fatto, con molti lati divertenti. Non è un giudizio, solo una considerazione: in passato mi sono anche io dilettato molte volte in racconti-scene.

Un po' meno azzeccata la presenza talvolta molto pesante del narratore, che si rintraccia in alcuni termini utilizzati (es: "summenzionata"), ovvero in considerazioni più sue che dei personaggi (vedi la nota sulla vendita delle mele...). Chiaro, è in parte comprensibile in un racconto in chiave ironica, dove lo humor è fornito un po' "dall'alto". Però, imho, potevi utilizzare un POV interno (che ne so, magari proprio il ragazzetto spelacchiato) per dire le stesse cose rendendole più "veraci".

Anyway, se dovessi darti un voto, nel complesso ti darei un bel 7. E non è poco, visto che in genere non sono affatto di manica larga...
Go on!
If you don't see me, don't think that I am not behind you...

Mio blog personale: www.onwriting.eu
Facebook: https://www.facebook.com/l.calanchini?ref=hl
Sito web professionale: www.kosmos-group.it
kayton
Hobbit
Messaggi: 11
MessaggioInviato: Gio 12 Lug 2012 16:43 pm    Oggetto:   

Barbagianni ha scritto:
No. Credo di avere come vizio il racconto col finale un po' aperto.


Magari potresti scrivere solo per me un piccolo finale? Razz
Scherzo! Però così mi è rimasto il senso dell'incompiuto...per il resto mi è piaciuto parecchio come racconto!
namrik
Hobbit
Messaggi: 15
MessaggioInviato: Gio 13 Dic 2012 11:57 am    Oggetto:   

Molto bello e divertente!
Unica piccola critica il personaggio della donna è leggermente monotematico quindi ripetitivo ma nel contesto puó anche starci.

In ogni bello bello stile di scrittura chiaro coinvolgente e divertente Very Happy
Tarshis
Hobbit
Messaggi: 12
MessaggioInviato: Lun 10 Giu 2013 11:27 am    Oggetto:   

Sembra un racconto picaresco ambientato nel Seicento, anche se di fantasia.
Mi sono piaciute le descrizioni ambientali, forse mi sarei dilungato un pochino di più sull'introspezione dei personaggi, ognuno dei quali ha delle caratteristiche interessanti.
La guerriera capo dei mercenari è fantastica, un po' stereotipata però, quando dici
Citazione:
una nerboruta guerriera con tanto di reggipetto borchiato e benda sull’occhio.

forse la descrizione è eccessivamente grottesca, comica; beninteso, rende bene, ma è troppo "carica". Al limite si potrebbe diluirla sotto una parvenza di serietà picaresca, alla don Chisciotte, dove anche particolari comici sono spiegati con grande serietà, suscitando in ogni modo il riso e la simpatia.
Molto simpatici i personaggi dello stregone e del tagliaborse, con poche parole hai delineato quasi dei caratteri, approfondendoli un po' risulterebbero ancora più vividi.
Divertente poi il finale. Una compagnia di mercenerari che amano a quanto pare la vita tranquilla delle osterie e non vogliono rischiare la pelle in imprese impossibili.
Ne scaturisce quasi un nuovo filone letterario a mio parere, sul quale si potrebbero imbastire ulteriori episodi.
Et in Arcadia ego
uljanka
Sua Luminosa Oscurità
Messaggi: 5714
MessaggioInviato: Lun 10 Giu 2013 11:54 am    Oggetto:   

Per me invece la capa, versione caricaturale delle eroine fantasy in lingerie d'acciaio 18/10, va benissimo.

Questo racconto mi diverte ogni volta che lo rileggo. Forse bisognerebbe ridare un'occhiata alla punteggiatura e... scusami se mi sono divertita a immmaginare un finale diverso, che renda più efficace la sorpresa .

Citazione:


Il capo serrò la mascella, più volte. Erano questi i momenti che ogni vero capo temeva, ma erano anche i momenti in cui si vedeva davvero di che pasta erano fatti, in cui si capiva veramente se un uomo era un vero uomo…o bè, nel suo caso una donna.
Scambiò una rapida occhiata con gli altri, che annuirono impercettibilmente.

«Avanti, canaglie, andiamo. E' per il bene di tutti noi!»
Partirono quella stessa notte, senza lasciare traccia. Il giovane imberbe era sopra il cavallo migliore. Tramortito, legato e imbavagliato.

E io, che sono Tenebra, altro non posso vedere se non la Luce, e perciò sono la Luce.

Quando qualcuno dice 'io non credo nelle fate' da qualche parte una fata ride e prepara il suo fucile.
erbetta
Inox memory
Messaggi: 4225
MessaggioInviato: Lun 10 Giu 2013 15:15 pm    Oggetto:   

Che bello!
Mi è piaciuto proprio tanto questo racconto.
E la nostra Oscura e Malefica Signora, con una minima ritoccatina, ha dato quel nonsochè ai tempi comici che m'ha fatto apprezzare ancora di più il tutto.
Viva i mercenari!
Sono una donna di cultura: ho letto entrambi i Promessi Sposi
Athos Camelicus
Balrog
Messaggi: 1613
Località: Tra le aspre colline liguri
MessaggioInviato: Mar 11 Giu 2013 22:11 pm    Oggetto:   

E' piaciuto anche a me, sintetico ed efficace. Concordo con il rifacimento del finale operato da Uljanka.
Anche io voglio cimentarmi con un romanzo fantasy, ma non mi sento pronto per una trilogia.
Comincerò con una biologia
G.C.
Apprendista Mago
Messaggi: 3692
Località: Rivendell
MessaggioInviato: Lun 17 Giu 2013 11:01 am    Oggetto:   

Grazie, torno ormai pochissimo in questi lidi e oggi devo dire che è stato piacevolissimo.
questo racconto non doveva sfuggirmi, fa il paio con la bella fanciulla e i malefici nani arcieri!
Mi sono divertito molto e avrei visto bene una spinta maggiore nell'eccesso, alla T. Pratchet per intenderci.
Bravo molto bravo, il Bargagianni che preferisco. Very Happy
Ludwig von Drake
Hobbit
Messaggi: 35
MessaggioInviato: Sab 20 Lug 2013 13:28 pm    Oggetto:   

Molto carino, ma c'e' una cosa che non mi convince, il passaggio in cui lei dice "troppi lati poco chiari", mi sembra spuntare fuori da un'altra discussione ovvero che non sia ben legato ai passaggi precedenti...
Barbagianni
Balrog
Messaggi: 1005
MessaggioInviato: Ven 25 Ott 2013 15:50 pm    Oggetto:   

Ecco, sparisco nei regni sotterranei per giusto un annetto e cosa mi perdo? I commenti all'ultima cosa che avevo messo sul forum. (oltretutto tra i più positivi che mi vengano in mente)
Mi serva di lezione!

PS: e grazie a tutti i commentatori
Quando qualcuno dice 'io non credo nelle fate' da qualche parte una fata si segna nome, cognome e indirizzo.

Trolls? Io odio i trolls! - Willow
fuertbraf
Hobbit
Messaggi: 5
MessaggioInviato: Mer 03 Dic 2014 0:15 am    Oggetto: Re: Onore mercenario   

Bello, mi è piaciuto.
Medieval
Ora, io sono totalmente negato per fare qualsivoglia tipo di critica ma avrei un dubbio.

La frase:
Barbagianni ha scritto:
Il novellino non registrò il fatto, col suo bel sorriso a trentuno denti e l’espressione soddisfatta.

mi dà come la sensazione che non sia finita, che manchi una parte.

Poi magari è solo una mia impressione.


P.S. Io il ragazzo lo avrei lasciato tramortito e legato nella locanda lasciandolo al suo destino.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a I racconti del forum Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum