Caro editore ti odio / 1


Autore Messaggio
FantasyMagazine
Balrog
Messaggi: 4381
MessaggioInviato: Mar 04 Set 2012 16:13 pm    Oggetto: Caro editore ti odio / 1   

Caro editore ti odio / 1

Inizia questa settimana un viaggio nel mondo dell'editoria, con i riflettori puntati sulle opere pubblicate con molteplici titoli e nei più diversi formati. Dalla fantascienza di Philip K. Dick e Isaac Asimov alla fantasy di Ursula K. Le Guin, Terry Goodkind, Joe Abercrombie, Greg Keyes, Patrick Rothfuss, George R.R. Martin, Antonia Romagnoli, Mariangela Cerrino, Licia Troisi, Guy Gavriel Kay, Terry Brooks, Lauren Kate, Trudi Canavan, Philip José Farmer, Katharine Kerr, Maggie Furey, Michael Ende e J.R.R. Tolkien.

Leggi l'articolo.
elerwen
Hobbit
Messaggi: 35
Località: Piemonte, Asti
MessaggioInviato: Mar 04 Set 2012 16:13 pm    Oggetto: Re: Caro editore ti odio / 1   

aggiungerei all'elenco la saga dell'ultimo elfo di Silvana de mari... ogni libro un formato diverso, grandi, piccolo, rilegato, pocket, alto, basso... non sembra nemmeno una saga! Sad

e poi certi libri che spariscono dal commercio? trovare Waylander del Drenai è praticamente impossibile!

e le riedizioni con traduzioni diverse? per esempio Harry Potter... nel nuovo formato hanno cambiato i diversi nomi, perché?

_
Elerwen
M.T.
Paladino Guardiano
Messaggi: 2408
MessaggioInviato: Mar 04 Set 2012 16:34 pm    Oggetto: Re: Caro editore ti odio / 1   

(elerwen) ha scritto:
aggiungerei all'elenco la saga dell'ultimo elfo di Silvana de mari... ogni libro un formato diverso, grandi, piccolo, rilegato, pocket, alto, basso... non sembra nemmeno una saga! Sad

e poi certi libri che spariscono dal commercio? trovare Waylander del Drenai è praticamente impossibile!

e le riedizioni con traduzioni diverse? per esempio Harry Potter... nel nuovo formato hanno cambiato i diversi nomi, perché?

_


Con la nuova edizione di Harry Potter sarebbe stata una cosa giusta fare un elenco di tutti i nomi che erano stati cambiati rispetto alla vecchia; certo non si sarebbe rivelata necessaria se fin da subito si fossero mantenuti gli originali. Non era una cosa tanto difficile...
Ma di esempi del genere ce ne sono tanti come accade anche nella saga di Landover di Brooks, dove per i primi tre volumi si è conosciuto un personaggio come la Strega del Crepuscolo e poi nel quarto (la scatola magica di Landover) lo si vede chiamare Nightshade per poi ritornare nel quinto (la sfida di Landover) di nuovo a la Strega del Crepuscolo.
Così facendo si crea confusione e ancora peggio si disorienta quando si fanno traduzioni senza costrutto, come in Il Principe dei Fulmini che in realtà nell'originale è Il Principe delle Spine o quella ancora più grave fatta a Martin dove un cervo diventa unicorno...
Laeryn
Nano
Messaggi: 108
MessaggioInviato: Mar 04 Set 2012 21:09 pm    Oggetto:   

Aggiungerei all'elenco il non secondario nome di Robert Jordan.
La saga della Ruota del Tempo, per quanto tutta pubblicata nella stessa collana, ha inspiegabilmente cambiato veste grafica dal nono e poi dal decimo volume in poi, con un nono volume che vanta un singolare dorso con immagine che è rimasto un unicum in tutta la saga, con buona pace di qualsiasi aspirazione estetica di noi proprietari.

Dettagli, certo, ma si parla anche di estetica, nell'articolo. E, considerato che ciascuno dei suddetti volumi costa più di 25 euro (senza che siano neppure veri cartonati), una minima pretesa di continuità mi sembra giustificata.
Martina
Eldar
Messaggi: 399
MessaggioInviato: Mar 04 Set 2012 23:45 pm    Oggetto:   

Citazione:
aggiungerei all'elenco la saga dell'ultimo elfo di Silvana de mari... ogni libro un formato diverso, grandi, piccolo, rilegato, pocket, alto, basso... non sembra nemmeno una saga!

Sì, la saga della De Mari è un disastro da questo punto di vista. Io ho deciso di comprare il terzo, letto in giugno prendendolo in prestito in biblioteca, solo quando uscirà nell'edizione tascabile per averlo nello stesso formato del secondo.
In questo caso L'ultimo elfo, pensato per lettori più giovani rispetto ai seguiti anche se apprezzabilissimo anche dagli adulti (io lo adoro), è in una collana di libri per lettori delle elementari. I seguiti però sono per lettori più maturi, e quindi cambia la collana. Fino a qualche mese fa il secondo era disponibile in edizione rilegata, quindi nello stesso formato del terzo. Con l'uscita del tascabile ovviamente L'ultimo orco ha cambiato formato, ma quando faranno il tascabile anche di Gli ultimi incantesimi quei due volumi dovrebbero tornare ad avere aspetti simili. Il quarto invece è stato pubblicato da un altro editore, Fanucci invece di Salani, quindi non c'è speranza: i volumi sono e rimarranno diversi. Possiamo sperare, ma non c'è alcuna certezza, che Fanucci decida di fare il tascabile del prequel, Io mi chiamo Yorsh, e che lo faccia del formato di L'ultima profezia del mondo degli uomini.
Non ne ho parlato perché una volta indicato il problema non volevo fermarmi troppo a lungo su storie simili, che sono tantissime, anche se in effetti il caso della De Mari è un po' più complicato della maggior parte degli altri.

Citazione:
e poi certi libri che spariscono dal commercio? trovare Waylander del Drenai è praticamente impossibile!


Io ho scritto un unico articolo, lunghissimo. Talmente lungo che con Emanuele abbiamo deciso di suddividerlo in quattro parti, e la prova di questo la vedrete con le note, la cui numerazione parte con la 1 in questo articolo e finisce, mi pare, con la 19 nell'ultimo.
Di alcuni argomenti parlo più avanti, semplicemente non c'era spazio per tutto qui. Non cito Gemmell, anche se vorrei acquistare alcuni libri suoi che avevo letto prendendoli in biblioteca. Parlo però di saghe incompiute, la cui pubblicazione è stata sospesa dall'editore da un certo momento in poi, e parlo di libri introvabili. Dovete solo avere la pazienza di seguirmi nelle prossime puntate.
Certo, nei commenti possiamo parlare di tutto quello che non è rientrato nei miei articoli, vuoi per ragioni di spazio, vuoi per evitare ripetizioni, vuoi perché magari non conoscevo l'episodio o semplicemente non mi è venuto in mente.

Citazione:
e le riedizioni con traduzioni diverse? per esempio Harry Potter... nel nuovo formato hanno cambiato i diversi nomi, perché?


L'intera terza parte è dedicata alle traduzioni, si tratta solo di aspettare un paio di settimane. Parlo anche di Harry Potter ma senza entrare troppo nello specifico sia perché io ho letto i rilegati ma non ho mai fatto un confronto con la nuova traduzione attualmente in commercio sia perché su FantasyMagazine abbiamo già un paio di ottimi articoli sul'argomento, ai quali rimando. Parlo del famoso cervo/unicorno di Martin, di Jordan, Zimmer Bradley, Tolkien, Pratchett e qualche altro autore. Non Brooks, della saga di Landover ho letto solo il secondo volume, e ovviamente non conoscevo il dettaglio. Non parlo nemmeno di Lawrence con il suo Principe dei fulmini, in questo caso mi piacerebbe sapere il titolo originale che legame ha con il romanzo visto che io non l'ho letto. Però, a proposito di titoli tradotti male, parlo anche di Steven Erikson e di Patrick Rothfuss. Volendo si potrebbe andare avanti per un bel pezzo.
In questo caso, se avete sassolini da tirare fuori dalla scarpa, vi invito a farlo nella discussione apposita, fra un paio di settimane. Qualcosa mi dice che potrebbe diventare una discussione molto calda...


Citazione:
La saga della Ruota del Tempo, per quanto tutta pubblicata nella stessa collana, ha inspiegabilmente cambiato veste grafica dal nono e poi dal decimo volume in poi, con un nono volume che vanta un singolare dorso con immagine che è rimasto un unicum in tutta la saga, con buona pace di qualsiasi aspirazione estetica di noi proprietari.


Le copertine della saga di Jordan hanno il loro spazio, e non solo loro. Problemi analoghi ci sono anche con Martin e con una saga di Eddings. Spesso la mia scelta è stata di far vedere come il comportamento non sia esclusiva di un solo editore, in questo caso si tratta di Fanucci, Mondadori e Sperling & Kupfer. Se non ricordo male questo pezzo si trova nella quarta sezione.
M.T.
Paladino Guardiano
Messaggi: 2408
MessaggioInviato: Mar 04 Set 2012 23:59 pm    Oggetto:   

Martina ha scritto:
Non parlo nemmeno di Lawrence con il suo Principe dei fulmini, in questo caso mi piacerebbe sapere il titolo originale che legame ha con il romanzo visto che io non l'ho letto. Però, a proposito di titoli tradotti male, parlo anche di Steven Erikson e di Patrick Rothfuss. Volendo si potrebbe andare avanti per un bel pezzo.


Il Principe delle Spine fa riferimento al fatto che il protagonista del romanzo deve la sua salvezza a esse.
Di Erikson ne parleremo quando uscirà l'articolo che lo tratta, ma già la traduzione italiana della saga (La Caduta di Malazan) travisa il significato originale (Malazan Book of the Fallen), visto che ha un riferimento ben preciso a ciò che sta dietro questa lunga saga di guerra: il problema qui non è una mancanza di proprietà di conoscenza della lingua straniera, quanto di furbità (presunta) editoriale. Ma di questo ne riperleremo.
Jirel
Haut-lady Haut-lady
Messaggi: 4532
Località: milano
MessaggioInviato: Mer 05 Set 2012 11:04 am    Oggetto:   

Non vedo l'ora di leggere anche le altre parti dell'articolo!!!!

ora rifletto e penso a quale cambiop di formato a metà di una saga mi abbia dato più fastidio...
La paura uccide la mente
Dendarii forever!!!!!
Socio Fondatore Zzott Fun Club

BI forever
ringstorm
Giullare del Massacro
Messaggi: 3507
Località: siano (sa)
MessaggioInviato: Lun 10 Set 2012 16:37 pm    Oggetto:   

Grande articolo, hai introdotto questioni che, da collezionista quale sono, mi sono molto a cuore. Smile

E vogliamo parlare anche delle copertine che non ci azzeccano un beneamato piffero con la storia narrata? E della qualitá delle rilegature?
Martina, forse dovresti ricordare quanto io AMI Goodkind. Bene, settembre scorso ho acquistato il primo volume della nuova trilogia, dopo aver pianto amaramente sulle copertine delle edizioni economiche rilanciate in seguito alla serie tv (che ho oltremodo maledetto in tutte le lingue che conosco XD) e cosa mi sono ritrovata? Un libro con una tremendamente pessima copertina, con una rilegatura vergognosa che appena apro il libro le pagine svolazzano via, con un testo tradotto dall'abominevole ignorante delle nevi.
Risultato: non l'ho ancora terminato. Non ci riesco proprio a leggerlo, e io normalmente mi sorbisco Goodkind in un pomeriggio. Invece, mi viene l'orticaria solo a pensarci. Avrei tanto voluto scrivere un bel messaggio di protesta sualla pagina fb della fanucci, ma suonerebbe troppo furibondo.
E pensare che in questi 12 anni sono stata una lettrice fedele e puntuale. Bah! Rolling Eyes
Era brilligo e gli unsci tovi / girondavano sulla rava, / eran birbizzi i borogovi / e il momo ratso ultragrattava

Martina
Eldar
Messaggi: 399
MessaggioInviato: Lun 10 Set 2012 17:21 pm    Oggetto:   

Citazione:
E vogliamo parlare anche delle copertine che non ci azzeccano un beneamato piffero con la storia narrata?


Le cito nel quarto articolo, anche se non parlo di Goodkind. E mi sono trattenuta sulle copertine con le guerriere in reggiseno di metallo, altrimenti avrei perso ogni tono professionale.
Non parlo invece delle rilegature, in questo caso lo sfogo è totalmente libreo. Già che ci siamo... la mia copia di La strada dei re di Guy Gavriel Kay (editore Sperling & Kupfer, ma stiamo parlando di un libro che ho acquistato 19 anna fa) fa schifo, le pagine hanno iniziato a staccarsi la prima volta che l'ho letto, e ogni volta che lo tocco mi ritrovo a sperare di non perdere nessun pezzo anche perché, essendo fuori catalogo, non è possibile sostituirlo.


Citazione:
un testo tradotto dall'abominevole ignorante delle nevi


Fanucci ha spesso di questi problemi, sospetto che dia ai suoi traduttori pochissimo tempo per completare il lavoro e loro non riescano a fare un lavoro accurato. Io vedo con i miei articoli che spesso cambio idea riguardo a come formulare una frase e la riscrivo. Poi, quando rileggo il testo, molte volte vedo che non ho corretto bene, che i tempi non concordano, che mi è rimasta una preposizione che non c'entra nulla o che inizio a parlare al maschile e finisco al femminile e via dicendo. Visto che rileggo trovo gli errori (quasi sempre, a volte sui testi che abbiamo scritto noi siamo talmente convinti di aver scritto qualcosa da non vedere che invece abbiamo scritto qualcos'altro, vuoi proprio per i cambi di idea vuoi perché, semplicemente, abbiamo schiacciato un tasto invece di un altro). Se però un traduttore lavora su un libro di qualche centinaio di pagine e poi non ha il tempo per rileggerlo, quanti strafalcioni possono capitare?
Delle traduzioni parlo nel pezzo che sarà pubblicato lunedì 17. Mi soffermo soprattutto su Martin perché è l'autore che conosco meglio e perché ho letto quasi tutto il trono di spade e la corrispondente parte di A Game of Thrones in parallelo. Però per restare su un autore Fanucci parlo di Jordan. Di Goodkind è un pezzo che non leggo più nulla, ma ricordo benissimo che i refusi erano talmente numerosi da far perdere il conto a chiunque.

Citazione:
Avrei tanto voluto scrivere un bel messaggio di protesta sualla pagina fb della fanucci, ma suonerebbe troppo furibondo.


Fai una passeggiata, calmati, poi ti siedi e scrivi su un file word. Quindi ti alzi, fai un giro, leggi qualcosa che ti piace (magari di un altro editore Laughing ) e quindi torni al computer. Se a questo punto ti sembra che il tuo testo sia chiaro senza sconfinare negli insulti mandalo, Fanucci continuerà a fare quel che gli pare ma tu hai tutti i diritti di lamentarti. E se le lamentele sono troppe magari prendono qualche provvedimento.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle rubriche Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum