L'ultimo nemico


Vai a pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
Reginald Graham
Lo Stolto
Messaggi: 1105
MessaggioInviato: Ven 10 Mag 2013 11:25 am    Oggetto:   

Era diventato obsoleto, lui lo sapeva. O sapeva che presto lo sarebbe diventato, questo ha logorato il suo spirito, la sue essenza. Privo di ragioni di esistere, privo di uno scopo, il cancro ha divorato il suo corpo, come il destino stava facendo con la sua anima.
Tuttavia non è morto in un ospedale, ma accanto all`ultimo nemico ucciso. Questo gli ha permesso di vincere, infine, poiché servendo al suo ULTIMO scopo, poi morendo, ha sovvertito il suo stesso fato, proprio con la morte.
Bello, M.T.
M.T.
Paladino Guardiano
Messaggi: 2408
MessaggioInviato: Ven 10 Mag 2013 12:06 pm    Oggetto:   

Per come ho inteso la storia, più che questione di obsoleto e di vincere, è il rendersi conto che nel mondo non c'è più posto per lui, che tutto quello cui lui era appartenuto è finito.
Vittoria, sconfitta: nulla ha importanza. L'unica cosa che importa è fare ciò che lo ha fatto sentire vivo: non per gli altri, non per senso di giustizia, ma solo per se stesso. E negli ultimi momenti, un pensiero che da tempo è nei meandri della sua mente, diventa chiaro: aveva più punti in comune con il mostro che con gli esseri umani della società civile, veri e propri estranei e nemici, perché distruttori di ciò cui lui faceva parte.
thyangel83
Gollum
Messaggi: 729
Località: Ovunque
MessaggioInviato: Ven 10 Mag 2013 14:19 pm    Oggetto:   

In fondo ognuno di noi ha uno scopo insito. Il problema è riuscire a trovarlo. Nulla di quanto fatto al di fuori di questo scopo ultimo è appagante al 100%. Il cacciatore ne è consapevole; il mostro lo è ma non ne comprende appieno il significato profondo. Ma sono accomunati da questo andare avanti per un obiettivo.
Il problema vero sono gli uomini, che tale obiettivo lo hanno smarrito.
If you don't see me, don't think that I am not behind you...

Mio blog personale: www.onwriting.eu
Facebook: https://www.facebook.com/l.calanchini?ref=hl
Sito web professionale: www.kosmos-group.it
M.T.
Paladino Guardiano
Messaggi: 2408
MessaggioInviato: Ven 10 Mag 2013 15:15 pm    Oggetto:   

trovare la propria strada, il proprio scopo, non è affatto facili, forse è una delle cose più difficili che ci siano. Quando poi si è bombradati da condizionamenti, aspettative, pretese, ancora di più.
Sì, gli uomini sono il problema. O meglio, è la mentalità che possiedono, che si creano attraverso le illusioni, le perdite, le menzogne e le mezze verità.
Rakanius
Drago
Messaggi: 540
Località: Milano
MessaggioInviato: Lun 13 Mag 2013 23:42 pm    Oggetto:   

Il racconto mi è piaciuto, complimenti.
Bruno
--- partecipa al mio blog su:
http://www.mondifantastici.blogspot.com/
M.T.
Paladino Guardiano
Messaggi: 2408
MessaggioInviato: Lun 13 Mag 2013 23:47 pm    Oggetto:   

Grazie Smile
erbetta
Inox memory
Messaggi: 4225
MessaggioInviato: Lun 10 Giu 2013 15:05 pm    Oggetto:   

Stai venendo trattato... Sei sicuro?


La storia non mi ha catturata perché è un tema che ho già incontrato troppe volte nel corso degli anni e dal confronto (Asimov tra gli altri nella raccolta Testi e Note scrive qualcosa di molto simile) questo racconto non brilla. L'ho trovato un poco pedante.
Grazie per la lettura Smile
Sono una donna di cultura: ho letto entrambi i Promessi Sposi
M.T.
Paladino Guardiano
Messaggi: 2408
MessaggioInviato: Lun 10 Giu 2013 17:40 pm    Oggetto:   

erbetta ha scritto:
Stai venendo trattato... Sei sicuro?


In che senso?

Di Asimov ho letto molto poco. Certo che sarebbe dura un confronto con uno scrittore del genere Razz
uljanka
Sua Luminosa Oscurità
Messaggi: 5714
MessaggioInviato: Lun 10 Giu 2013 20:25 pm    Oggetto:   

M.T. ha scritto:
erbetta ha scritto:
Stai venendo trattato... Sei sicuro?


In che senso?


In questo senso, suppongo.

Citazione:
Strinse i pugni. «Stai venendo trattato con dignità, avendo il rispetto che nessun umano mai ti darà: il rispetto di chi ti considera come un suo pari.»


E' l'unica pecca stilistica di questo racconto.

Io preferirei che il Camaleonte uccidesse il Cacciatore, evitandogli la morte in ospedale, e che poi lo "vendicasse", tornando nel mondo a uccidere i Veri Nemici. Ma io sono di parte.
E io, che sono Tenebra, altro non posso vedere se non la Luce, e perciò sono la Luce.

Quando qualcuno dice 'io non credo nelle fate' da qualche parte una fata ride e prepara il suo fucile.
M.T.
Paladino Guardiano
Messaggi: 2408
MessaggioInviato: Lun 10 Giu 2013 21:30 pm    Oggetto:   

Ho capito la notazione che mi avete fatto, grazie Smile

Il racconto aveva una sua finalità e le morti servivano per mostrarlo. Ma se vuoi vedere la fine dei Veri Nemici, ci sono altre storie che possono far avverare il tuo desiderio Wink
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a I racconti del forum Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum