Cosa spinge a scrivere fantasy


Vai a pagina 1, 2  Successivo
Autore Messaggio
LaLamadelleLacrime
Hobbit
Messaggi: 41
MessaggioInviato: Sab 14 Dic 2013 13:28 pm    Oggetto: Cosa spinge a scrivere fantasy   

C’è qualcosa nella narrativa di genere fantasy che ispira i suoi fan a scrivere storie . Questa è probabilmente una delle caratteristiche più spiccate nei lettori (e aggiungerei nei giocatori di ruolo) di area fantasy .
Anzitutto il genere fantasy tende a ispirare grande fedeltà tra i suoi lettori (gli aficionados delle saghe ne sanno qualcosa Wink ), che sono sempre alla ricerca della loro prossima esperienza di lettura epica. Molti di questi stessi appassionati prima o poi tendono a creare un loro primo Fantasy sia che si tratti di racconti brevi o di veri e propri romanzi .
Ciò accade spessissimo in America ma prende piede anche nel nostro paese, a giudicare dai siti e dai forum che ospitano le avventure create dalla creatività degli utenti più disparati. Basta visitare qualche sito o forum specifico per notare a quante persone piace scrivere nel loro genere preferito creando il loro personaggio e talvolta il loro intero mondo.
Ma perché questo accade?

I lettori di fantasia sono spinti a iniziare a scrivere fantasy , perché a loro piace essere coinvolti in mondi alternativi e permeati dall’aura dell’immaginario. E ' innegabilmente piacevole per un appassionato del genere sfuggire alla noia dell'esistenza comune e andare in lotta al fianco di eroi che stanno cercando di salvare il mondo dal male. Dopo la lettura di un buon romanzo fantasy, in effetti, il lettore tende a continuare a fantasticare su altri mondi e nuove avventure . Questo scatena notevolmente l'immaginazione fino al punto di comporre una nuova storia, una storia originale, secondo la propria visione fantastica.

Scrivere nel genere fantasy permette allo scrittore di esplorare i propri desideri su come una storia deve essere raccontata , su come i mostri dovrebbero apparire, e su quali poteri sarà permesso ai personaggi di avere.
Inoltre permette allo scrittore di immaginare un po' un nuovo ideale di un eroe o cattivo.

Naturalmente, la maggior parte degli scrittori cerca di creare la nuova “rivelazione” nel panorama del fantasy - il che porta in verità a risultati “variegati” - ma la cosa bella è che almeno ogni scrittore sta vivendo la sua fantasia a livelli più profondi durante la scrittura. E questo è ciò che il lettore trasformatosi in scrittore vuole: un'esperienza coinvolgente e ancor più piena e consapevole nel mondo della fantasia .

La prova di quanto gli amanti del fantasy amino continuare ad agire attraverso le avventure si riscontra in particolare nella moltitudine di giochi di ruolo che sono per l’appunto di matrice fantasy. Ci sono certamente altri giochi con altri temi , ma la stragrande maggioranza di loro sono fatti di “quest” contro i troll e i draghi e sul fine di aggiungere poteri magici al personaggio giocante o di conquistare per lui armi sempre migliori ( specialmente spade) .

Sembra che ci sia semplicemente una parte di umanità che è letteralmente affascinata dal pensiero di portare una spada , di combattere mostri orribili ed innaturali, e di trovare un destino straordinario: a ben pensare questi elementi hanno sempre avuto un appeal su molte persone. E il Fantasy è probabilmente il genere perfetto a tal scopo. Non a caso alcune delle storie che hanno attraversato i secoli e che sono state tramandate in molte culture hanno incluso battaglie contro divinità e creature magiche: dalla antichissima Epopea di Gilgamesh all’Iliade e all'Odissea, da Re Artù fino al Signore degli Anelli .

La letteratura fantasy esplora anche i problemi che molte persone possono incontrare nella loro vita reale. I personaggi nei racconti fantasy sono spesso tormentati dalla morte di persone care , e i sono guidati da debolezze tipicamente umane come l'avidità e la brama di potere; sono tutte cose che la gente finirà per incontrare prima o poi nella vita quotidiana, ma è molto più stimolante ( e rassicurante) esaminare le difficoltà dell'esistenza umana in un ambiente di fantasia.
I lettori di fantasy trovano nel loro genere una miscela perfetta di prove che possono accadere e cose che non mai accadranno a loro, ma che sono comunque eccitanti da immaginare . Una tale combinazione accattivante è uno sprone ideale per i futuri scrittori al fine di esplorare i propri pensieri, le proprie paure, i propri desideri ed utilizzarli al fine di creare nuove storie .
E’ proprio per questo che il genere fantasy probabilmente sarà e rimarrà tra i più vivi e prolifici della parola scritta. E noi questo piace.

E tra voi c’è qualcuno che si riconosce in questo profilo ideale? Avete la vostra storia fantasy da raccontare? O l’avete già fatto? Ma soprattutto cosa vi spingerebbe a raccontare una storia fantasy?
LaLamadelleLacrime
Hobbit
Messaggi: 41
MessaggioInviato: Sab 14 Dic 2013 13:55 pm    Oggetto:   

Gentilissimo per la modifica M.T. Wink
LaLamadelleLacrime
Hobbit
Messaggi: 41
MessaggioInviato: Sab 14 Dic 2013 13:58 pm    Oggetto:   

E per la gestione del post duplicato Wink
M.T.
Paladino Guardiano
Messaggi: 2408
MessaggioInviato: Sab 14 Dic 2013 14:00 pm    Oggetto:   

Figurati Smile

EDIT (risposta al posto che prima non avevo il tempo di dare)

E’ vero che se un libro coinvolge, ci si ritrova a continuare a pensare ai personaggi che si è letto e alle loro avventure, ma almeno per me non è stata la molla a voler scrivere di fantasy, benché abbia cominciato molto giovane a leggerlo (otto anni). La volontà di scrivere è venuta molto dopo, già adulto, durante la creazione del mondo e delle avventure quando ho fatto il dm (dei giochi di ruolo non esiste solo il classico d&d, ci sono stati quelli dedicati al mondo di Robotech, di Cthulhu, di Mondo di Tenebra, per fare qualche esempio): di lì l’accorgersi che era sorta una storia da raccontare, con personaggi che la vivevano, esulando dai pg in carne e ossa, anzi volendosene proprio attaccare, avere una vita propria. Il lavoro di creazione a quel punto è stato qualcosa di completamente diverso perché scrivere per un romanzo e scrivere per una seduta sono due cose completamente diverse, soprattutto per la tipologia di storia che sono andato ad affrontare e per la quale tanti elementi hanno avuto influenza: religione, filosofia, psicologia, archetipi, mitologia.
Certo l’avventura è molto importante, ma quello su cui sono stato concentrato vedo che è stata la ricerca e la scoperta di qualcosa di perduto, di ritrovare e scoprire quelle verità che mostrano la natura dell’uomo e delle cose.
LaLamadelleLacrime
Hobbit
Messaggi: 41
MessaggioInviato: Sab 14 Dic 2013 21:29 pm    Oggetto:   

M.T. ha scritto:
Figurati Smile

EDIT (risposta al posto che prima non avevo il tempo di dare)

E’ vero che se un libro coinvolge, ci si ritrova a continuare a pensare ai personaggi che si è letto e alle loro avventure, ma almeno per me non è stata la molla a voler scrivere di fantasy, benché abbia cominciato molto giovane a leggerlo (otto anni). La volontà di scrivere è venuta molto dopo, già adulto, durante la creazione del mondo e delle avventure quando ho fatto il dm (dei giochi di ruolo non esiste solo il classico d&d, ci sono stati quelli dedicati al mondo di Robotech, di Cthulhu, di Mondo di Tenebra, per fare qualche esempio): di lì l’accorgersi che era sorta una storia da raccontare, con personaggi che la vivevano, esulando dai pg in carne e ossa, anzi volendosene proprio attaccare, avere una vita propria. Il lavoro di creazione a quel punto è stato qualcosa di completamente diverso perché scrivere per un romanzo e scrivere per una seduta sono due cose completamente diverse, soprattutto per la tipologia di storia che sono andato ad affrontare e per la quale tanti elementi hanno avuto influenza: religione, filosofia, psicologia, archetipi, mitologia.
Certo l’avventura è molto importante, ma quello su cui sono stato concentrato vedo che è stata la ricerca e la scoperta di qualcosa di perduto, di ritrovare e scoprire quelle verità che mostrano la natura dell’uomo e delle cose.


Tutto ciò che dici è assolutamente comprensibile e condivisibile Smile
E' assolutamente vero che c'è un'enorme differenza tra l"immaginare fantasy" e lo "scrivere fantasy" vero e proprio.
Io l'ho capito applicandomici.
Ricordo sempre un amico che proponeva notevoli idee per sviluppare un bel racconto fantasy... ma non aveva assolutamente né le basi né gli strumenti per realizzarlo, intendo dire la preparazione e la capacità tecnica per la creazione di uno scritto.
E' il tipico caso del " tra il dire il fare c'è di mezzo il mare " Wink

Tuttavia le vie non sono precluse.
C'è solo bisogno di mettere in gioco molto impegno e una notevole costanza.
E crederci Wink
Melian
Balrog
Messaggi: 1211
MessaggioInviato: Sab 14 Dic 2013 22:24 pm    Oggetto: Re: Cosa spinge a scrivere fantasy   

LaLamadelleLacrime ha scritto:
E tra voi c’è qualcuno che si riconosce in questo profilo ideale? Avete la vostra storia fantasy da raccontare? O l’avete già fatto? Ma soprattutto cosa vi spingerebbe a raccontare una storia fantasy?

Il saperla scrivere.
Fantasia e creatività non mi mancano, come molti lettori di fantasy anch'io ho qualche scheletro nascosto nei meandri più oscuri del mio pc ed è bene che lì rimanga. Scrivere una fan fiction o un racconto per divertirsi o per dare sfogo alle proprie fantasie è un conto, pretendere che qualcun altro lo legga e lo apprezzi pure è un altro.
E con quello che gira sugli scaffali fantasy, italiani e non, talvolta penso che un bel "delete file" sarebbe stato meglio.
❑ Single
❑ Taken
✔ Mentally dating a character that doesn’t exist
M.T.
Paladino Guardiano
Messaggi: 2408
MessaggioInviato: Dom 15 Dic 2013 13:36 pm    Oggetto:   

Se ti riferisci al fantasy made in Italy dell'ultimo decennio, sì, sarebbe da fare come dici: non è valido nemmeno come una prima stesura fatta alle quattro di notte dopo che ci si è appena svegliati.
Ma se passi nella libreria dove vado di solito non avresti di questi problemi: praticamente nel fantasy trovi solo Martin, come se non ci fosse nulla di meglio Rolling Eyes

Il saper scrivere conta, può fare la differenza. Martin ne è esempio, peccato poi che non abbia creatività, non ha scritto niente che non si distolga dai soliti cliché, e non abbia quella "visionarietà" che hanno tanti scrittori del genere più di lui. Per questo è importante aver letto tanto, in maniera varia, soprattutto di scrittori che sono veramente tali; i corsi di scrittura creativa è meglio evitarli, sono capaci di ritenere autori come Erikson, Jordan, Sanderson e lo steso Martin persone che non sanno scrivere Rolling Eyes .
E dopo aver letto tanto, tanta pratica, un lavoro costante.
Geralt di Rivia
Elfo
Messaggi: 298
MessaggioInviato: Lun 16 Dic 2013 0:14 am    Oggetto:   

Io ho qualche bella idea per il fantasy, perché è un genere che da il massimo spazio alla fantasia, mentre altri generi hanno limiiti ben precisi, qua invece hai massima libertà creativa, il problema è che non sono ancora bravo a scrivere libri, soprattutto nella caratterizzazione dei personaggi sono negato completamente, ma sono convinto che dopo essermi fatto una scorpacciata di libri fantasy imparerò le basi della scrittura, e potrò creare qualche storia anch'io.
Barbagianni
Balrog
Messaggi: 1005
MessaggioInviato: Lun 16 Dic 2013 13:27 pm    Oggetto:   

Posso fare un commento un po' cattivello? Me lo lasciate fare? Dai...

...la cosa che spinge a scrivere fantasy è che si pensa sia più facile di altri generi.
Quando qualcuno dice 'io non credo nelle fate' da qualche parte una fata si segna nome, cognome e indirizzo.

Trolls? Io odio i trolls! - Willow
Melian
Balrog
Messaggi: 1211
MessaggioInviato: Lun 16 Dic 2013 13:38 pm    Oggetto:   

Barbagianni ha scritto:
Posso fare un commento un po' cattivello? Me lo lasciate fare? Dai...

...la cosa che spinge a scrivere fantasy è che si pensa sia più facile di altri generi.

piuttosto veritiera comunque, alcuni hanno questa idea che il fantasy sia più facile. Un po' di magia, una compagnia, una quest, il malvagio da sconfiggere et voilà.

Giusto ieri ero incappata in questa frase di Tolkien, è inserita in un discorso più generico sul concetto d'arte, il grassetto l'ho messo io
"Fantasy (in this sense) is, I think, not a lower but a higher form of Art, indeed the most nearly pure form, and so (when achieved) the most potent."
❑ Single
❑ Taken
✔ Mentally dating a character that doesn’t exist


Ultima modifica di Melian il Lun 16 Dic 2013 14:37 pm, modificato 1 volta in totale
Barbagianni
Balrog
Messaggi: 1005
MessaggioInviato: Lun 16 Dic 2013 14:04 pm    Oggetto:   

Questa frase la spediamo a una mezza dozzina di case editrici italiane che pubblicano brutti fantasy?
Quando qualcuno dice 'io non credo nelle fate' da qualche parte una fata si segna nome, cognome e indirizzo.

Trolls? Io odio i trolls! - Willow
nisana
Tai'shar Malkier
Messaggi: 2264
Località: Cosmere
MessaggioInviato: Lun 16 Dic 2013 14:07 pm    Oggetto:   

Io credo che la necessità di scrivre fantasy sia in parte correlata all'esigenza dell'essere umano di creare fiabe e miti. Poi, per il mio personalissimo punto di vista, quanto più ci si avvicina veramente a fiaba e mito tanto migliore il risultato, ovviamente considerando la capacità di scrivere bene, che ahimé mi manca. Perché l'uomo ne abbia bisogno, non so, anche se molto ho letto a proposito, ma non credo che chi scrive fantasy vorrebbe davvero infilare una spada nel cuore di un drago, questione che comporta molto sangue e molta sporcizia Wink Ma lo stereotipo della ricerca, della prova, del gruppo di amici fidati, dell'eroe e delle sue traversie (che si evidenziano specialmente in fantasy e "avventura") sono vecchie e inossidabili, IMHO. Perché leggendo mi viene voglia di scrivere (o meglio, di immaginare)? Perché non trovo un libro che soddisfi al 100% quello che io credo (e per me fantasy è anche manifestazione della mia visione del mondo).

Certo che trovo limitante parlare di argomenti così importanti affidandoli a poche righe scritte nei ritagli di tempo (mea culpa). Beati i filosofi illuministi e i loro Caffè!
Vita prima della morte. Forza prima della debolezza. Viaggio prima della destinazione.
M.T.
Paladino Guardiano
Messaggi: 2408
MessaggioInviato: Lun 16 Dic 2013 14:39 pm    Oggetto:   

nisana ha scritto:
per il mio personalissimo punto di vista, quanto più ci si avvicina veramente a fiaba e mito tanto migliore il risultato, ovviamente considerando la capacità di scrivere bene, che ahimé mi manca. Perché l'uomo ne abbia bisogno, non so, anche se molto ho letto a proposito


Non so se lo hai letto: il mondo incantato di Bruno Betteleheim per me aiuta a comprendere quanto dici.

Non so come ragionano altri sullo scrivere fantasy, ma io lo faccio perché è uno dei generi che preferisco, anche se sarebbe più appropriato dire che è fantastico, dato che mischia altri generi.
nisana
Tai'shar Malkier
Messaggi: 2264
Località: Cosmere
MessaggioInviato: Lun 16 Dic 2013 15:18 pm    Oggetto:   

M.T. ha scritto:
nisana ha scritto:
per il mio personalissimo punto di vista, quanto più ci si avvicina veramente a fiaba e mito tanto migliore il risultato, ovviamente considerando la capacità di scrivere bene, che ahimé mi manca. Perché l'uomo ne abbia bisogno, non so, anche se molto ho letto a proposito


Non so se lo hai letto: il mondo incantato di Bruno Betteleheim per me aiuta a comprendere quanto dici.



Grazie del consiglio!
Vita prima della morte. Forza prima della debolezza. Viaggio prima della destinazione.
un muspeling
apprendista incendiario
Messaggi: 5312
MessaggioInviato: Lun 16 Dic 2013 18:45 pm    Oggetto:   

Appoggio la mozione Barbagianni, ma è anche chi ha scelto certi libri nei luoghi ove si selezionava cosa pubblicare o meno ad avere fatto passare il messaggio che il Fantasy è facile da scrivere.

A me affascinano e voglio arrivare (un dì, fra qualche vita) a scrivere storie archetipiche, evocative. Fantasy classico insomma, non mi rinchiuderò mai infra mura cittadine.

Quel che intendo fare io è - come diceva il mio maestro di Ba Guà - Kung-Fu e ci vuole tutta una vita per imparare il Kung-Fu (che in cinese vuol dire semplicemente "saper fare"). Come la scalata a un grattacielo partendo dalle sue fondamenta, si deve passare dagli scantinati e io mi sento arrivato appena appena al primo seminterrato. Rolling Eyes

I giochi di ruolo e i primi libri, sono le fondamenta al piano -10 del grattacielo del Fantasy (o del saper fare Fantasy), avverto. Rolling Eyes
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Leggere fantasy Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina 1, 2  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum