I Dieci Suggerimenti di J. R. R. Tolkien per gli scrittori


Vai a pagina 1, 2  Successivo
Autore Messaggio
LaLamadelleLacrime
Hobbit
Messaggi: 41
MessaggioInviato: Dom 18 Gen 2015 13:26 pm    Oggetto: I Dieci Suggerimenti di J. R. R. Tolkien per gli scrittori   

I Dieci Migliori Suggerimenti di J. R. R. Tolkien per gli scrittori

Parte 1 di 2.

Quando l’ho visto mi è subito venuta voglia di leggerlo avidamente! Consigli dal gran maestro del fantasy: una lezione obbligata!
L’articolo è a cura di Roger Colby, autore e insegnante di Inglese, e, pensando di fare cosa gradita, di seguito ne riporto la traduzione ed i passi più interessanti.

------------------------------------------------------------------

Le lunghe e appassionanti storie di JRR Tolkien hanno catturato l'immaginazione dei lettori per decenni.
Ma vi siete mai chiesti quali sono i segreti del suo mestiere?

Tolkien era un brillante scrittore, come moltissimi sanno… ma se avessimo potuto sederci con lui e porgergli qualsiasi domanda che volevamo? E se avesse potuto dare agli scrittori consigli circa la loro scrittura alla luce dei suoi anni di esperienza e da narratore incredibile quale era?

Questo diventa possibile se leggiamo le sue lettere raccolte in un vecchio libro ammuffito dal titolo 'Le lettere di JRR Tolkien ', a cura di Humphrey Carpenter.
Quella che segue è la migliore selezione di quelle note: i Dieci Migliori Suggerimenti di Tolkien per gli scrittori

1. La vanità è inutile

Tolkien scrive in una lettera a Sir Stanley Unwin il 31 luglio 1947

"... Spero di lasciare dietro di me la cosa [LOTR] rivista e in forma definitiva, affinché il mondo lo getti nel cestino della carta straccia. Alla fine, in questo mondo, tutti i libri finiranno lì dopotutto "(121).

Il Signore degli Anelli ha un seguito in tutto il mondo, ha ispirato film, videogiochi, film d'animazione, canti, poesie, fan fiction e innumerevoli altre cose… eppure il suo autore ha ritenuto che in realtà potrebbe non essere così importante per il mondo .

Ci sono molti altri passi in cui egli chiarisce quanto umili secondo lui siano le cose che scrive, e che non cambieranno assolutamente la vita ad alcuno, ma che sono semplicemente "fantasie della sua testa". A parere di Tolkien, Lo Hobbit è stato pubblicato per puro "incidente", poiché era passato solo fra le mani di un paio di amici, uno dei quali è C.S. Lewis.

Infine (e per fortuna) una laureata di Oxford, Susan Dagnall, che aveva lavorato per la casa editrice londinese di Allen & Unwin, lo ha incoraggiato a presentarsi per la pubblicazione. Lui decise di farlo, e ci sono pagine di lettere da cui si evince la “lotta” volta al processo di pubblicazione. Non era, in alcun modo, un uomo vanitoso, in particolare sulla sua scrittura.

2. Mantenere la determinazione

In un'altra lettera a Sir Stanley Unwin datata 21 luglio 1946, Tolkien elenca un mucchio di contrasti personali che stava affrontando: essere malato, il superlavoro e la mancanza suo figlio Christopher, che era arruolato nella Royal Navy. Ciononostante, accantonava molti di questi dissidi interiori, e andava avanti nella scrittura.

Doveva bilanciare il suo lavoro di giorno con il suo desiderio di scrivere storie epiche ambientate nella Terra di Mezzo. Ha trovato il tempo. Lo ha “ricavato” in qualche modo il tempo. Gli ci sono voluti 7 anni per scrivere Lo Hobbit. (117) La cosa su cui scrive più in questo periodo è il suo sforzo per ottenere il lavoro finito sui suoi romanzi, e per bilanciare l'insegnamento e le sue numerose cariche all’Oxford College. A quanto pare però, CON DETERMINAZIONE, alla fine ha trovato il sistema migliore.

3. Ascoltare le critiche

Tolkien scrisse al suo editore per i commenti che C.S. Lewis aveva fatto su Il Signore degli Anelli: "Quando lui (Lewis) diceva, ‘Potete fare di meglio. Meglio, Tolkien, per favore!’ A me veniva voglia di provare. Mi sarebbe piaciuto sedermi e scrivere quella parte più e più volte.

Ciò è successo con la scena che credevo fosse la migliore del libro, il confronto tra Gandalf e il suo stregone rivale, Saruman, nella città devastata di Isengard. "

Egli scrive che aveva tagliato alcuni passaggi delle conversazioni fra gli hobbit che lui [Lewis] trovava noiose, pensando che se le trovava tali, anche altri lettori (quei pochi) le avrebbero trovate allo stesso modo ... a dire la verità non ha mai davvero gradito tanto gli hobbit, meno di tutti Merry e Pipino. Ma a un gran numero di lettori sono piaciuti, e forse ne avrebbero graditi molti di più nella storia "(376).

Da notare sono le parole tra parentesi: "quei pochi “.
Perché in effetti ci sono molti passaggi delle lettere in cui Tolkien sembra essere autoironico. Ascoltò con attenzione critica e capì che avrebbe dovuto affinare la sua scrittura cosicché qualcosa sarebbe stata ben accolta da molti. Dobbiamo imparare ad utilizzare la consulenza di critici per aiutarci a diventare scrittori migliori.

Probabilmente la lettera più significativa di tutta la collezione è la lettera a Christopher Bretherton datata 16 luglio 1964.

Di seguito sono riportati i punti salienti di quel testo:

4. Lasciate che i vostri interessi guidino la vostra scrittura

Tolkien scrisse: "Ho cominciato l’invenzione di lingue nella mia prima fanciullezza: sono principalmente un filologo scientifico. I miei interessi erano, e rimangono, in gran parte scientifici. Ma ero anche interessato a racconti tradizionali (in particolare quelli in materia di draghi); e scrivere (non leggere) versi e composizioni metriche. Queste cose hanno cominciato a fluire insieme quando ero uno studente e la disperazione dei miei tutor, e hanno quasi portato alla demolizione della mia carriera "(345).

L'interesse di Tolkien era originariamente per le lingue. Amava creare i propri linguaggi basati su quelli più antichi con cui era intimamente familiare. Ha seguito i suoi interessi sufficientemente per creare intere culture fondate sulle lingue, e poi ha scritto storie su di esse, che poi sono divenute leggenda. Ha scritto di ciò che lo interessava più.

Se si sta scrivendo qualcosa che in realtà non è nel proprio cuore, si scriverà qualcosa di piatto e senza vita. Lasciate dunque che le parole del testo si riversino direttamente dai vostri interessi personali.

5. La poesia come strada alla prosa

Quando Tolkien non poteva esprimere il suo pensiero in prosa egli "traduceva gran parte di esso in versi".

Egli scrive: "La prima versione della canzone di Strider riguardante Luthien, ... originariamente apparve sulla rivista Leeds University, ma in realtà tutto il racconto, come abbozzato da Aragorn, è stato scritto in una poesia di grande lunghezza" (346).

Se non è possibile scrivere la prosa in modo convincente, provate a comporre i vostri pensieri in forma di versi. Ciò farà in modo che il vostro cervello pensi profondamente al fraseggio, alla struttura e ai dispositivi letterari necessari per eccellere nella prosa. Forse questo è il motivo per cui la maggior parte degli scritti di Tolkien si legge in forma cadenzata.

----------------------------------------------------------------

A presto con la seconda parte e gli altri 5 suggerimenti!
Nel frattempo spazio ai commenti Wink
PrimaevalWorld
Elfo
Messaggi: 247
Località: tra Torino e la Citta'
MessaggioInviato: Dom 18 Gen 2015 13:38 pm    Oggetto:   

parole sante! Soprattutto l'ultima, ci sono un sacco di "scrittori" che scrivono come se facessero la lista della spesa...
Secondo voi il libro da cui sono tratte le risposte si trova in giro? Mi preoccupa l'aggettivo "ammuffito".
"Scopri piu' piu' piu' piu' piu' piu' luoghi!"
CDuMbledore
Modessa Modessa
Messaggi: 14734
MessaggioInviato: Dom 18 Gen 2015 14:56 pm    Oggetto:   

Oh, bene, una discussione seria. Però nel canale "leggere"... boh. Dovremmo trovarne uno più adatto. ammicca

Ora ci penso.
Very Happy
(searching for)
PrimaevalWorld
Elfo
Messaggi: 247
Località: tra Torino e la Citta'
MessaggioInviato: Dom 18 Gen 2015 16:14 pm    Oggetto:   

CDuMbledore ha scritto:
Oh, bene, una discussione seria. Però nel canale "leggere"... boh. Dovremmo trovarne uno più adatto. ammicca

Ora ci penso.
Very Happy


non c'è un canale "scrivere"? (a parte quello dei racconti del forum)
sarebbe opportuno! Very Happy
"Scopri piu' piu' piu' piu' piu' piu' luoghi!"
Manex
Apprendista Stregone
Messaggi: 1301
Località: Milano
MessaggioInviato: Dom 18 Gen 2015 17:32 pm    Oggetto:   

Discussione spostata sotto la sezione dedicata al mondo tolkieniano.
Ciao
Emanuele Manco
www.emanuelemanco.it
CDuMbledore
Modessa Modessa
Messaggi: 14734
MessaggioInviato: Dom 18 Gen 2015 17:37 pm    Oggetto:   

Bravo Manex, mi sembra un'idea piùmmigliore! Very Happy
(searching for)
Rakanius
Drago
Messaggi: 540
Località: Milano
MessaggioInviato: Dom 18 Gen 2015 22:28 pm    Oggetto:   

Ascoltare le critiche? O anche non ascoltarle, ma bisogna decidere. Se hai un solo beta-lettore o ne hai pochi è molto difficile capire se le indicazioni sono valide. Se ne hai un certo numero, e tutti (o quasi) ti dicono che una certa parte è scritta male, ti conviene dar retta...
Bruno
--- partecipa al mio blog su:
http://www.mondifantastici.blogspot.com/
PrimaevalWorld
Elfo
Messaggi: 247
Località: tra Torino e la Citta'
MessaggioInviato: Lun 19 Gen 2015 11:48 am    Oggetto:   

Rakanius ha scritto:
Ascoltare le critiche? O anche non ascoltarle, ma bisogna decidere. Se hai un solo beta-lettore o ne hai pochi è molto difficile capire se le indicazioni sono valide. Se ne hai un certo numero, e tutti (o quasi) ti dicono che una certa parte è scritta male, ti conviene dar retta...


io personalmente interpreto la regola come "a priori un buon consiglio può venire da chiunque, per cui sarebbe meglio ascoltare tutti"; certo, bisogna poi riuscire a distinguere le critiche fondate, però se il tuo unico beta-lettore è C. S. Lewis (o un editor)... Cool più che altro dà fastidio quando la gente ti chiede un parere e poi lo cestina se non è quello che aspettava di sentire, e nel caso di uno scrittore, a mio avviso, è un atteggiamento che non porta nulla di buono. Non so come funzioni tra scrittori, ma su deviantArt ho visto un sacco di aspiranti artisti infiammarsi per le critiche e andare avanti per anni a fare le stesse cose senza migliorare Rolling Eyes
"Scopri piu' piu' piu' piu' piu' piu' luoghi!"
Rakanius
Drago
Messaggi: 540
Località: Milano
MessaggioInviato: Lun 19 Gen 2015 23:57 pm    Oggetto:   

PrimaevalWorld ha scritto:
più che altro dà fastidio quando la gente ti chiede un parere e poi lo cestina se non è quello che aspettava di sentire, e nel caso di uno scrittore, a mio avviso, è un atteggiamento che non porta nulla di buono.

Credo che il dilettante si riconosca spesso dalla incapacità di accettare osservazioni senza andare in bestia. Una critica un minimo circostanziata ed educata dovrebbe essere accettata come un legittimo parere.
E' anche vero che i suggerimenti possono venire da fonte capace e autorevole come da lettori superficiali, e che possono essere vari e contrastanti, validi e non validi. Non è facile capire, e alla fine è chi scrive che decide cosa fare PRENDENDO LE PROPRIE RESPONSABILITA'. Per me una buona regola è che se diverse voci hanno evidenziato lo stesso punto debole, una ragione ci sarà. Per tutto il resto sono punti da meditare, bisogna andare a intuito.
Bruno
--- partecipa al mio blog su:
http://www.mondifantastici.blogspot.com/
PrimaevalWorld
Elfo
Messaggi: 247
Località: tra Torino e la Citta'
MessaggioInviato: Ven 13 Feb 2015 16:18 pm    Oggetto:   

non vorrei mettere fretta ma... la seconda parte? sono curiosa Very Happy
"Scopri piu' piu' piu' piu' piu' piu' luoghi!"
LaLamadelleLacrime
Hobbit
Messaggi: 41
MessaggioInviato: Mer 25 Feb 2015 16:51 pm    Oggetto:   

Rieccomi!

Abbiate pazienza, ma diversi impegni hanno fatto sì che potessi proporvi la seconda parte solo adesso.

Spero che abbiate apprezzato e che apprezzerete ancora Wink .

------------------------------------------------------------------------------------------


6. Felici Incidenti

Tolkien scrive: "Lo Hobbit ha visto la luce e ha visto la mia connessione con A. e U. da un incidente." Inoltre: "Da “Lo Hobbit” sono anche derivati la questione dei Nani, di Durin loro primo antenato, di Moria; e di Elrond.

Il passaggio nel capitolo 3 (LOTR) relativo ai mezzi-elfi della mitologia è stato un caso fortunato, a causa della difficoltà di inventare sempre buoni nomi per i nuovi personaggi "(346).

A volte gli incidenti accadono, e talvolta questi incidenti portano uno scrittore da un editore, o lo spingono a creare un intero romanzo. Tolkien ha creato interi mondi, e poi utilizzato ciò che sapeva di mito e leggenda per raccontare storie archetipiche che hanno sede in quei luoghi magici. Anche se ha pianificato tutto meticolosamente, aveva ancora gli incidenti si verificano felici che teneva nel manoscritto finale perché hanno appena lavorato. A volte gli incidenti possono essere benedizioni.

7. I sogni ci danno Ispirazione

Egli scrive: "Nel sonno ho avuto la visione terribile di una ineludibile Onda, che esce dal mare calmo, o che invade il verde entroterra. Essa si verifica ancora occasionalmente, anche se ora l’ho esorcizzata scrivendo di essa.

Finisce sempre con una resa, e mi sveglio boccheggiando fuori dall'acqua profonda. Ho provato a disegnarla o scrivere brutte poesie su di essa. Quando C.S. Lewis ed io ci simo incontrati, lui stava scrivendo sul viaggio nello spazio e io sul viaggio nel tempo; ho iniziato un libro sul viaggio nel tempo, in cui alla fine il mio eroe è partecipe dell’annegamento di Atlantide "(347).

Egli continua a scrivere sul processo che ha usato per incorporare questa sensazione di annegare durante l'invasione della Terra di Mezzo da Mordor. Ha elaborato anche questo in molti dei suoi motivi: l'annegamento di Isengard, le paludi morte, e l’annegamento di Sam Gamgee quando segue Frodo.

Molti usano i sogni come ispirazione. Essi possono fornire grandi storie da raccontare.

8. Dalla gente reale derivano grandi personaggi

Tolkien: "C'era un personaggio locale curioso, un vecchio usava andare in giro a spifferare pettegolezzi storielle e cose simili.

Per divertire i miei ragazzi l’ho chiamato Gaffer Gamgee, e il nome è diventato usuale per identificare tipi del genere. In quel periodo stavo cominciando a lavorare su “Lo Hobbit”. La scelta del nome Gamgee è stata causata principalmente da quella allitterazione; ma non l’ho inventata. E 'stata tratta dalla memoria dell'infanzia, come una parola comica o un nome noto. Era infatti il nome che si usava quando ero piccolo (a Birmingham) per chiamare la bambagia '"(348).

Tolkien ha usato persone reali per popolare il fantastico mondo della Terra di Mezzo. Guardatevi intorno. Molte delle persone con cui passate il tempo tutti i giorni potrebbero essere personaggi fantastici nel vostro romanzo. E 'divertente immaginarle come eroi o chiedersi come si comporterebbero nelle situazioni di pericolo che create per la vostra storia.

La verità può essere, difatti, più strana della finzione.

9. Potreste essere il prossimo Autore di Bestseller

Tolkien racconta la seguente storia: "Ho vissuto per un po' in una strada piuttosto decaduta (giustamente chiamata Duchess) a Edgbaston, B'ham; si è poi ridotta in una strada ancor più decaduta chiamata Beaufort. Dico questo solo perché nella strada di Beaufort vi era una casa, occupata dal Sig Shorthouse, un produttore di acidi, di (credo) religione quacchera.

Lui, un semplice dilettante (come me) senza status nel mondo letterario, improvvisamente produsse un libro lungo, strano, eccitante, e… discutibile - o sembrava così allora. E lentamente si affermò, e alla fine divenne un best-seller, e oggetto di discussione pubblica perfino da parte della cerchia del Presidente del Consiglio. Mr. Shorthouse divenne molto strano e addirittura “anti-inglese”. Sembrava essere diventato fantasia lui stesso come una reincarnazione di qualche uomo del Rinascimento italiano, e ne vestì i modi "(348).

Tolkien aggiunge, ancora una volta, le parole tra parentesi “come me“ le quali connotano che è molto critico circa sua scrittura. Fu sorpreso dal successo del suo primo libro e anche degli altri. Sentiva, letteralmente, che l’essere divenuto un autore di successo era dipeso da un vero e proprio incidente.

Questo dà a tutti gli scrittori speranza, ma pochi raggiungerebbero tale status senza seguire molti dei suggerimenti elencati in questo post.

10. I libri che si scrivono possono sembrare triti

Tolkien scrive: "Io ora reputo Il Signore degli Anelli 'buono in talune parti" (349). Questo per dire che dopo aver letto i suoi libri anni dopo averli scritti, in base alla sua esperienza di scrittura si rende conto che lui è uno scrittore molto migliore di quando ha pubblicato The Hobbit.

Molti possono sentirsi in questo modo circa i libri che hanno scritto. Potrebbe sentire l’istinto di tornare indietro e rivederli, facendo leva su ciò che man mano si è imparato. Questo è perfettamente normale. E positivo.
Perché non si deve mai smettere di migliorare.
nisana
Tai'shar Malkier
Messaggi: 2264
Località: Cosmere
MessaggioInviato: Gio 26 Feb 2015 8:51 am    Oggetto:   

Grazie! Davvero interessante!
Vita prima della morte. Forza prima della debolezza. Viaggio prima della destinazione.
LaLamadelleLacrime
Hobbit
Messaggi: 41
MessaggioInviato: Ven 27 Feb 2015 13:21 pm    Oggetto:   

nisana ha scritto:
Grazie! Davvero interessante!


MI fa piacere! Si attendono commenti Wink !
PrimaevalWorld
Elfo
Messaggi: 247
Località: tra Torino e la Citta'
MessaggioInviato: Ven 27 Feb 2015 18:58 pm    Oggetto:   

che bello, grazie! Mi fa molto piacere che anche lui, come me, prenda ispirazione dai sogni Laughing Ho letto ormai svariati manuali di scrittura, ma è incredibile come Tolkien riesca a condensare tutto in queste dieci frasi, così semplici e dirette e umili... inutile, Tolkien, come Einstein, aveva ragione anche quando credeva di non aver fatto bene Laughing
comunque, @LaLamadelleLacrime, dove hai trovato l'originale?
"Scopri piu' piu' piu' piu' piu' piu' luoghi!"
LaLamadelleLacrime
Hobbit
Messaggi: 41
MessaggioInviato: Ven 10 Apr 2015 21:04 pm    Oggetto:   

Me lo ha passato un amico via email...
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Lord of the Rings Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a pagina 1, 2  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum