Le Benevole - Liudmila Gospodinoff


Autore Messaggio
Yanez
Hobbit
Messaggi: 48
MessaggioInviato: Sab 31 Gen 2015 22:44 pm    Oggetto: Le Benevole - Liudmila Gospodinoff   

«Guarda», mi disse, «le feroci Erine.
Quest’è Megera dal sinistro canto;
quella che piange dal destro è Aletto;
Tesifón è nel mezzo»; e tacque a tanto.
Dante Alighieri, Inferno, Canto IX



‒ Quell’uomo lo conosco – disse Aletto.
‒ Chi? – chiese Tisifone, frugando con lo sguardo la folla che infestava il porto.
Lei indicò. ‒ Quello.
Megera arricciò il naso. – Non è un uomo. È uno schiavo.
‒ Era venuto a chiedere il nostro aiuto.
Tisifone scosse la testa. – Ti sbagli.
‒ Non era uno schiavo, quando l’abbiamo conosciuto. E io non mi sbaglio mai. – Il tono di Aletto era più tagliente della sua daga. Si appoggiò a un mucchio di reti da pesca. – Guardate gli occhi – aggiunse.
Proprio in quel momento l’uomo si voltò verso di loro. Una scintilla gli illuminò lo sguardo, più azzurro di quello di Atena, mentre le riconosceva.
‒ Ma certo! – esclamò Megera. – Adesso ricordo. Avevamo appena scatenato una carestia in Arcadia, una faticaccia. Ci eravamo sedute per riprendere fiato...




1 ‒ Aletto

‒ Permettete?
L’uomo era bello come Apollo, ma aveva qualcosa di fragile e di fiero, nei lineamenti, che solo gli umani possono avere. Era in piedi accanto al tavolo, a rispettosa distanza. Indossava un chitone di lana grezza e portava un coltello alla cintura. Con la mano destra teneva stretta al petto un’anfora dozzinale. Un pastore, probabilmente.
Fu Megera a rispondere, come al solito. – Che cosa porti? – chiese.
L’uomo inclinò l’orcio. Resina e frutta solleticarono le narici, evocando l’allegria leggera dell’ebbrezza. ‒ Vino.
Megera fece schioccare la lingua, un verso che poteva essere preso per compiacimento o disprezzo. L’uomo, che aveva gli occhi fissi sul suo volto, parve optare per la seconda ipotesi. – Ho altri doni – disse.
Posò l’anfora per frugare nella borsa. Estrasse il pugno chiuso e lo aprì luccicante d’oro. Con un gesto veloce sparse tre vezzi di perle sulla tavola. Aletto lo fissava diffidente, ma nel suo volto leggeva solo una soddisfazione tremolante d’ansia. Portò lo sguardo sui gioielli. Le perle non erano perfette, ma abbastanza belle da meritare la loro attenzione: il tempo di vuotare un paio di coppe.
– Non ho dimenticato che apprezzate una pecora nera in sacrificio – aggiunse l’uomo. – È là fuori che aspetta.
Megera gli piazzò gli occhi in faccia. – Ci stavi cercando – disse.
‒ Da molte lune – assentì.
‒ Che cosa vuoi?
‒ Quello che vogliono tutti: vendetta.
PaulMc
Hobbit
Messaggi: 5
MessaggioInviato: Dom 01 Feb 2015 13:49 pm    Oggetto:   

Narri di un bel trio!
Avrei voluto trovare qualche imprecisione, per fare un po' l'infametto, ma non ne vedo.
Wink Very Happy
Yanez
Hobbit
Messaggi: 48
MessaggioInviato: Dom 01 Feb 2015 14:07 pm    Oggetto:   

PaulMc ha scritto:
Narri di un bel trio!
Avrei voluto trovare qualche imprecisione, per fare un po' l'infametto, ma non ne vedo.
Wink Very Happy


Laughing
Fer
Hobbit
Messaggi: 37
MessaggioInviato: Lun 02 Feb 2015 0:05 am    Oggetto:   

Finito all'ultimo momento e scritto così bene?
Sto rosicchiando tutte le mie matite per l'invidia!
Molto interessante il tema che hai scelto.
Smile
Yanez
Hobbit
Messaggi: 48
MessaggioInviato: Lun 02 Feb 2015 0:11 am    Oggetto:   

Grazie, Fer!
Guarda che tu non hai proprio niente da invidiare Wink
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Racconto Effemme - La vendetta Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum