Trionfo e sold out per i Musical Box


Autore Messaggio
FantasyMagazine
Balrog
Messaggi: 4381
MessaggioInviato: Ven 23 Feb 2007 22:05 pm    Oggetto: Trionfo e sold out per i Musical Box   

Trionfo e sold out per i Musical Box

Leggi l'articolo.
Garrett
Alto inquisitore Alto inquisitore
Messaggi: 6120
MessaggioInviato: Ven 23 Feb 2007 22:05 pm    Oggetto: Trionfo e sold out per i Musical Box   

Ebbrava Mari, magari sei pure andata Wink

Tanta invidia per chi ha potuto esserci..
Copio-incollo il post di un amico che ha avuto la fortuna di essere presente a Roma...

""THE MUSICAL BOX PERFORM GENESIS
17 Febbraio 2007 - Teatro Tendastrisce, Roma

Non c'è modo migliore di passare un sabato sera. Bella musica, bella atmosfera, buona compagnia. Avevo già assistito ad un concerto dei The Musical Box a Roma un paio di anni fa, e ne rimasi estasiato. Andare ad uno show di questo "progetto" canadese (non mi sentirei di definirlo come un "gruppo", e nemmeno come una "cover band") è un'esperienza unica, decisamente ardua da descrivere a parole. Praticamente, equivale ad uscire di casa, prendere una DeLorean come quella del film "Ritorno al Futuro", andare indietro nel tempo, diciamo al 1972/1973, e vedersi i Genesis dei tempi d'oro. Quelli con Peter Gabriel alla voce e Steve Hackett alla chitarra. E vi giuro che non sto esagerando.

Lo scorso sabato io e i miei amici siamo arrivati ad un Teatro Tendastrisce gremito di fans dello storico quintetto inglese, e ci siamo preparati ad assistere alla riproposizione integrale (e fedelissima) dello spettacolo tratto dal tour di uno dei più sensazionali album progressive di sempre, il seminale "Selling England By The Pound" del 1973. Devo premettere, che io neanche ero nato, quando uscì l'album. Avevo solamente visto filmati risalenti all'epoca, che mi avevano oltremodo impressionato, nonostante la qualità audio e video non eccelsa; vedere tutta quella magia, quella passione e quella istrionicità materializzarsi davanti ai propri occhi, è una sensazione impagabile. E posso solo immaginare cosa hanno provato le tante persone presenti al Tendastrisce, che, in larga parte, quell'epoca l'hanno vissuta in pieno. Il pubblico è rimasto di stucco davanti alle gesta di un ineccepibile Denis Gagné, colui che per tutta la serata ha vestito i panni (i trucchi e i travestimenti) del personaggio Gabriel della prima ora, fin dall'iniziale "Watcher Of The Sky", imponenente e mastodontica nel suo continuo crescendo.

Durante il concerto, il pubblico si è spesso lasciato andare ad applausi del tutto spontanei, segno di quanto la musica dei Genesis sia amata in Italia. E' successo anche quando Gagné/Gabriel ha aperto "Dancing With The Moonlit Knight", riflessione sulla perdita di valori in terra inglese, con gli ormai storici versi "Can you tell me where my country lies?"; ed era effettivamente difficile contenere l'eccitazione per una così esaltante riproposizione, culminata nel bellissimo finale semi-acustico, che simula il ticchettio di un orologio. François Gagnon, nel "ruolo" di Steve Hackett, ha decisamente impressionato per la cura dei suoni di chitarra (praticamente identici a quelli originali) e per la meticolosità con cui ha suonato tutte le complesse parti del chitarrista inglese, nelle quali nulla è lasciato al caso. Il discorso è lo stesso per il Tony Banks della situazione, Eric Savard (che si è guadagnato una vera e propria standing ovation durante l'intro di pianoforte della epica "Firth Of Fifth") e per Sebastien Lamothe, alias Mike Rutherford, estremamente convincente in tutti i ruoli ricoperti: è stato un vero piacere sentirlo e vederlo all'opera con basso, acustiche e chitarre a 12 corde (il tutto eseguito con estrema disinvoltura). Martin Levac è una specie di fac-simile di Phil Collins, sia fisicamente che musicalmente. E' mancino anche lui, la voce è identica a quella di Collins (ce ne siamo accorti tutti quando ha cantato da solo "More Fool Me") e il suo drumming potente ha fatto da collante per questo mosaico perfetto. Credo che il culmine sia stato raggiunto con "The Musical Box" e "Supper's Ready". Tutte le principali caratteristiche del sound dei Genesis hanno investito la sala, in un vortice di pura poesia, teatralità, grinta ed epicità.

Le ultime note di "The Knife", che hanno sancito la fine del concerto, hanno lasciato tutti con la tipica sensazione di non averne mai abbastanza e di voler rivedere tutto da capo. Ma, purtroppo, le luci si sono accese, e tutti quanti siamo tornati con i piedi per terra, ai giorni nostri, con l'amara consapevolezza che di musicisti con quello spirito d'innovazione, e con quella illuminata visione musicale ed artistica, non ve ne è più traccia.""


Grazie Marco.
marco
Ospite

MessaggioInviato: Lun 26 Feb 2007 2:17 am    Oggetto: Io c'ero   

Ci sono andato un po' perche amo i genesis profondamente e un po per la curiosità (tanti mi avevano detto che era uno spettacolo da vedere assolutamente).
Così con altri quattro ex giovanotti siamo entrati a vedere questo spettacolo di fac-simili per i quali avevamo investito un discreto gruzzoletto per i biglietti (quelli meno cari erano già esauriti), con una vocina in testa che diceva "ma chi voglio prendere in giro ...quel tempo è finito...non ci sono più"...
beh devo dire che dopo pochi minuti di concerto tutti i dubbi sono svaniti per lasciare spazio solo ad entusiasmo ed ammirazione per uno spettacolo eccezzionale di grande potenza e musicale ed emozionale con strumentisti tecnicamente forse addrittura superiori agli originali (il batterista è incredibile) ed una cura dei particolari assolutamente maniacale.
Certo non sono i genesis , non sappiamo nulla della loro creatività o capacità compositiva, ma sicuramente sono artisti di altissimo livello , con una sensibilità e maturità musicale enorme...
Insomma , devo dire che alla fine del concerto è stato come scendere dalle montagne russe , dopo averle fatte ad occhi chiusi....non si capiva più cosa avevamo visto veramente ......rimaneva solo una sensazione di benessere e appagamento e la soddisfazione di sapere che i soldi per i biglietti erano
stati ben spesi ....
P.S.
Se tornano mi sa che ci rivado... con la scusa di accompagnare qualche altro amico che se li è persi....

Garrett
Alto inquisitore Alto inquisitore
Messaggi: 6120
MessaggioInviato: Lun 26 Feb 2007 16:10 pm    Oggetto:   

Allora tieniti pronto per Novembre..

C'è odor di Foxtrot Tour..con due date a Roma.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle notizie Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum